Dalla geografia del mare all'oceanografia scientifica

1. Dalla geografia del mare all’oceanografia scientifica

percorso oceanoIl percorso Dalla geografia del mare all’oceanografia scientifica è dedicato a un progetto di oceanografia storica condotto da 23 studenti universitari a bordo della nave Amerigo Vespucci. Gli studenti coinvolti hanno partecipato alla missione dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia mirata allo studio del contributo di scienziati del passato alla geografia del mare e alla valorizzazione di strumenti oceanografici antichi e recenti.

Un corso per ripercorrere le tappe fondamentali

di Annalisa Plaitano

 

F1 amerigo vespucci

foto copyright Annalisa Plaitano

 

Dall’11 al 18 ottobre 2016 un gruppo di 23 studenti universitari ha partecipato a un progetto di oceanografia storica a bordo della nave scuola Amerigo Vespucci. Il progetto, maturato nell’ambito della riflessione sulla conservazione degli strumenti oceanografici del passato e sulla ricerca storica, è stato organizzato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) in collaborazione con la Marina Militare Italiana e con il supporto tecnico-scientifico di Historical Oceanography Society (HOS), Distretto Ligure delle Tecnologie Marine (DLTM), Scuola Internazionale di Tecnologie Marine (SITM), Istituto Idrografico della Marina Militare (IIM), Monitoraggio Ambientale e Ricerca Innovativa Strategica (MARIS), del Centro di Supporto Sperimentazione Navale (CSSN) della Marina Militare e del Centre for Maritime Research and Experimentation (CMRE) della NATO.

 

Aristotele, Plinio il Vecchio e Strabone sono solo alcuni dei nomi legati agli albori dello studio del mare, che fin dai tempi antichi ha spinto i grandi osservatori della natura a formulare ipotesi – a volte anche fantasiose – sull’origine delle maree e delle correnti, sulla profondità, sulla salinità e su altri fenomeni marini.

Prima ancora dell’interesse scientifico, fu l’interesse economico a motivare l’uomo allo studio approfondito del mare: il commercio, la pesca, la caccia alle balene, la ricerca di risorse, ma anche la conquista di nuove terre e il monopolio marittimo. Qualcuno esplorò il mare alla ricerca della fonte dell’eterna giovinezza, della gloria o semplicemente per sfidare i limiti umani.

Fino al XVII secolo, però, lo fecero in maniera empirica, guidati da informazioni aneddotiche, basandosi su racconti di pescatori e su mappe talvolta corredate da spiegazioni esoterico-magiche. Ciononostante, nel 1598, il gesuita Giovanni Botero scrisse quello che può essere considerato il primo testo italiano di oceanografia, le Relazioni del mare.

È interessante riscoprire alcuni scienziati del passato attraverso il loro contributo all’oceanografia, allora geografia del mare. Robert Boyle noto chimico, compì studi sulla salinità e le caratteristiche termiche dell’acqua di mare; Robert Hook, il Leonardo d’Inghilterra, fabbricò i primi strumenti per scandagliare le acque profonde; Galileo Galilei nel Discorso sul flusso e il reflusso del mare formulò una teoria, rivelatasi in seguito errata, per spiegare le maree.

Basandosi su modelli sperimentali Luigi Ferdinando Marsili, uno dei padri italiani dell’oceanografia trapiantato in Francia, scrisse Histoire physique de la mer. Pubblicato nel 1725, il libro rappresenta il primo testo di idrografia.

Più tardi l’inventore e uomo politico Benjamin Franklin disegnò la prima mappa della Corrente del Golfo nella sua completa estensione e successivamente Charles Darwin diede una spiegazione dell’origine degli atolli.

Decisivi per la nascita dell’oceanografia – intesa in senso moderno come disciplina scientifica – furono gli anni tra il 1855, anno di pubblicazione del Physical geography of the sea di Matthew Fontaine Maury e il 1872, data d’inizio della prima campagna oceanografica, la spedizione Challenger di Charles Wyville Thomson.

Tutte queste storie, così come molte altre, meritano di essere riscoperte e raccontate. È quello che si ripropone di fare l’Historical Oceanography Society che ha a cuore la conoscenza, la conservazione e la diffusione di testi, mappe e documenti antichi sull’oceanografia.

Un’altra missione dell’HOS, congiuntamente all’INGV, è la preservazione di strumenti oceanografici antichi e recenti, alcuni anche di notevole valore storico, che per mancanza di una apposita legislazione vengono talvolta gettati o abbandonati in magazzini polverosi.

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.