A caccia di neutrini

1. Messaggeri cosmici

percorso caccia"A caccia di neutrini" è uno dei quattro percorsi che la redazione ha dedicato ad una delle particelle più elusive presenti nel Modello Standard della fisica delle Particelle elementari. Il numero dei percorsi dedicati è di per sé indicazione dell’interesse ed attenzione che la comunità dei fisici sta dedicando a questa “trottola fatta di nulla”. Questo percorso in particolare, dopo un’introduzione generale, presenta gli attuali esperimenti dedicati ai neutrini, ivi incluso l’esperimento OPERA presso il Laboratori del Gran Sasso.

 

 

di L. Benussi, F. Toti Lombardozzi, A. Venturelli

ScienzaPerTutti_galileogalilei 
 
 
"Perché, secondo la opinione mia, a chi vuole una cosa ritrovare,
bisogna adoperar la fantasia, e giocar d’invenzione e ‘ndovinare..."

Galileo Galilei

La massima di Galileo ci aiuta a partire per questo percorso, proprio perchè trattiamo un argomento particolare..., di messaggeri misteriosi e sfuggenti, veramente restii a rivelarsi…, elusivi come i neutrini; comprenderne la natura è una delle sfide scientifiche più impegnative, ma anche più entusiasmanti e stimolanti e per studiarli bisogna porsi sottoterra!

Questo percorso ci guiderà lungo la strada della ricerca, a partire dal 1930 - anno dell’invenzione dei neutrini - fino ai nostri giorni, conducendoci spesso nelle viscere della Terra, all’interno di gallerie scavate nelle montagne, nelle profondità dei mari o dei ghiacci dell’Antartide. Ci mostrerà come se ne sia dimostrata l’esistenza, quali sorgenti celesti li emettano e quali informazioni ci portano, come possono essere studiate le loro caratteristiche, e come queste particelle fantastiche siano diventate meno misteriose, più significative nel campo della Fisica fondamentale e dell’Astrofisica. Le informazioni viaggiano con la luce, visibile e non visibile, e con la radiazione cosmica icona_glossario. Onde elettromagnetiche e particelle provenienti dallo spazio ci descrivono un mondo che si riteneva inaccessibile all’indagine scientifica. Una pioggia silenziosa di radiazioni elettromagnetiche e corpuscolari provenienti dallo spazio raggiunge incessantemente la Terra.

Gli scienziati hanno imparato a captarle, ad analizzarle e a decifrarne i messaggi. Le radiazioni elettromagnetiche, infatti, ci portano le informazioni sulla natura e sui fenomeni relativi alla sorgente che le ha emesse. Chi avrebbe mai immaginato, prima della scoperta della spettrografia, che avremmo conosciuto la natura fisica delle stelle, la loro composizione chimica, la loro evoluzione? L’astronomia, nel corso degli ultimi secoli, già aveva scardinato concezioni millenarie sulla natura e sulla natura dei cieli determinando una vera e propria rivoluzione scientifica e culturale senza precedenti; mentre negli ultimi decenni ci ha fornito, grazie alla possibilità di indagine a tutte le lunghezze d’onda dello spettro elettromagnetico, un quadro dei fenomeni celesti radicalmente nuovo, assolutamente impensabile nella prima parte del XX secolo. Dalla Terra e dallo spazio Osservatori sempre più potenti, sofisticati e sensibili scrutano senza sosta il cielo rivelandoci un mondo di straordinaria ricchezza e bellezza.

ScienzaPerTutti_spacecraft
fonte immagine: www.ishtar.df.unibo.it
ScienzaPerTutti_neutrinoofthesun
fonte immagine: http://www.mos.org/

I nostri preziosi messaggeri hanno caratteristiche diverse, per cui per intercettarli si ha bisogno di ricevitori diversi e di determinate condizioni di osservazione. Non c’è alcun problema, almeno in teoria, per l’osservazione da terra nelle bande ottica e radio; invece, per tutte le altre radiazioni elettromagnetiche,  è necessario porsi al di fuori dell’atmosfera terrestre, con telescopi installati su palloni o, meglio, a bordo di satelliti.

I neutrini sono le particelle che interagiscono meno con la materia, per cui la attraversano come se niente fosse. Per questo motivo i neutrini ci portano informazioni di oggetti e di loro processi altrimenti inaccessibili.  Le altre particelle della radiazione cosmica non sono mai così penetranti. Sotto uno spesso strato di roccia, allora, possiamo tentare di “vedere” solo loro. Invisibili, corrono per l’Universo senza lasciare traccia, o quasi; se solo avessero una massa minimamente significativa deciderebbero le sorti finali dell’Universo. Ogni secondo, 60 miliardi di neutrini, la maggior parte emessi dal Sole, piovono su ogni centimetro quadrato del nostro corpo, lo attraversano e poi viaggiano nell’atmosfera o all’interno della Terra per uscire dall’altra parte, quasi tutti. Sono particelle che corrono alla velocità della luce, che interagiscono pochissimo con la materia tanto che potrebbero attraversare, pressoché indisturbati, uno spessore di piombo di qualche anno luce.Del resto, di tutti quelli che passano attraverso il nostro organismo, durante tutto il corso della vita, solo uno o due interagiscono con la nostra materia. La nostra stella produce più di 200 trilioni di neutrini al secondo, ma l’esplosione di una Supernova icona_glossario ne libera mille volte di più di quanto ne produca il Sole in un periodo di 10 miliardi di anni. A differenza delle particelle della radiazione cosmica, i neutrini, per la scarsa (o quasi nulla) reattività con la materia che attraversano, sono gli unici segnali capaci di arrivare fino a noi senza essere minimamente deviati, superando qualsiasi ostacolo lungo il loro cammino.Ma la scarsa reattività li rende anche pressoché inafferrabili. Possono essere osservati, infatti, soltanto ponendo i rivelatori sotto terra, all’interno di montagne o nelle profondità delle miniere, sul fondo del mare o sotto una spessa coltre di ghiaccio. La schermatura, rappresentata da uno spessore di qualche migliaio di metri di roccia, di ghiaccio o di acqua, riduce notevolmente il disturbo determinato dall’arrivo al rivelatore di altre particelle energetiche della radiazione cosmica che, altrimenti, coprirebbero totalmente i debolissimi segnali emessi dal passaggio dei neutrini. Gli scienziati hanno pensato, cioè, di condurre i loro esperimenti nelle condizioni in cui al rivelatore giungono solo, o quasi, le particelle che intendono osservare e studiare.

ScienzaPerTutti_neutrinibinary

fonte immagine:http://www.ishtar.df.unibo.it
Tags:

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.