La nucleosintesi degli elementi

4. Produzione degli elementi di massa intermedia

di Gruppi Italiani Astrofisica Nucleare Teorica e Sperimentale

La produzione degli elementi più pesanti dell'elio è complicata dal fatto che non esistono nuclei stabili in natura aventi massa atomica A=5 ed A=8. Quindi non si può immaginare di produrre elementi più pesanti dell’elio attraverso semplici catture protoniche (cioè reazioni nucleari in cui un protone si fonde con un nucleo di elio).
Nel 1951, prima Ernst Opik, e poi in modo più dettagliato Edwin Salpeter (premio Crafoord 1997), formularono l’ipotesi che nelle stelle Giganti l’energia necessaria per controbilanciare la gravità provenisse dalla combustione di 3 nuclei di elio, che fondendosi insieme creano un nucleo di carbonio (12C). Per questo tipo di reazione è necessaria una temperatura più alta di quella richiesta per la combustione dell’idrogeno poiché la repulsione coulombiana tra nuclei di elio (Z=2) è maggiore di quella che si esercita tra nuclei di idrogeno (Z=1). Più pesante è il nucleo da produrre, più protoni avrà: la barriera coulombiana da superare sarà dunque più alta e per superarla servono temperature maggiori, che la stella può raggiungere solo dopo un certo tempo. Per questo motivo nelle stelle si susseguono le combustioni degli elementi dal più leggero (H) al più pesante (Fe), una dietro l'altra e non avvengono contemporaneamente.


La combustione dell'elio avviene in due fasi successive:
- due particelle α (il nome storico per indicare i nuclei di elio) si fondono in un nucleo di 8Be;
- il 8Be a sua volta cattura un’altra particella α, producendo 12C.


Il problema connesso a questa sequenza di reazioni sta nel tempo di vita del 8Be, che è instabile, cioè si si scinde in due particelle α dopo soli 2x1016 secondi (ossia in un intervallo di tempo di 20 milionesimi di miliardesimo di secondo) dalla sua formazione. La soluzione a questo problema fu proposta nel 1953 dal cosmologo inglese Fred Hoyle (anche lui premio Crafoord nel 1997), che ipotizzò l’esistenza di un livello energetico risonante nella struttura atomica del 12C. Questo stato risonante fu confermato sperimentalmente in seguito nei laboratori Kellogg del California Institute of Technology, dal gruppo di fisici nucleari guidato da William Fowler (Premio Nobel 1983). A questo livello è stato assegnato in passato l’epiteto di “livello della vita”, perché l'esistenza del carbonio ha reso possibile lo sviluppo della vita, per come la conosciamo.

La biologia umana, infatti, si basa sul ciclo del carbonio. In questa maniera, producendo il 12C a partire da 3 nuclei di elio, si aggira il problema legato agli elementi instabili di massa A=5 e A=8. Così, se le temperature (cioè la massa della stella) lo permettono, si possono innescare altre reazioni nucleari. Per esempio dalla fusione di 12C ed elio si produce 16O. Ecco dunque la nucleosintesi dell’ossigeno! Questo significa, per esempio, che le molecole di un bicchiere d’acqua, H2O, sono il risultato di due eventi astrofisici del tutto diversi. Per i 2/3 gli atomi provengono dal Big Bang e per 1/3 gli atomi provengono dalla fusione di elio nelle stelle massicce.
La nucleosintesi cosmica non si riduce agli elementi descritti finora. Infatti, nelle stelle con massa sufficientemente grande (almeno 10 volte la massa del Sole), la temperatura centrale è sufficientemente alta da innescare una nutrita sequenza di reazioni nucleari di fusione di particelle α. Di conseguenza, elementi sempre più pesanti vengono sintetizzati: neon (20Ne), magnesio (24Mg), silicio (28Si), zolfo (32S), argon (36Ar), calcio (40Ca), titanio (44Ti), cromo (48Cr), ferro (52Fe) ed infine nichel (56Ni). Quest’ultimo isotopo è instabile e decade, in 56Co che a sua volta decade nell’isotopo stabile 56Fe.

Nella figura possiamo vedere la massa per nucleone (protoni e neutrioni) dei vari elementi, che dà indicazione sull’instabilità degli elementi stessi rispetto al loro numero di protoni e neutroni. Il ferro, che nella figura sta in basso, è dunque tra i nuclei più stabili, e tende a non essere “disturbato” da altre reazioni nucleari. Dunque la produzione di nuclei più pesanti del 56Fe attraverso processi nucleari tra particelle cariche (come quelli precedentemente descritti) richiede energia, invece di produrne (il processo in questo caso si dice “endoenergetico”). Inoltre, all’aumentare della carica dei reagenti (ossia il numero di protoni dei due nuclei), aumenta anche la loro repulsione Coulombiana. Di conseguenza, non è possibile produrre elementi più pesanti del ferro attraverso reazioni tra particelle cariche.

 

Immagine estratta da http://www.oa-abruzzo.inaf.it/CRISTALLO/periodictable2019_ita.html

© 2002 - 2019 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

PRIVACY POLICY

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.