Tutte le risposte

0434. ppm di CO2 in atmosfera

Buongiorno, facendo una ricerca sul global warming da profano sulla materia (almeno dal lato scientifico) ho seri problemi con il concetto di ppm di CO2 in atmosfera... da quel po' di chimica che ricordo dalle scuole superiori so che la composizione dell' aria varia a seconda della altitudine, della longitudine, della quota, dell' umidità, dei venti, etc... quando leggo articoli che presentano dichiarazioni come 'la CO2 in atmosfera é passata da 398 a 400 ppm' che senso posso dargli? Si riferiscono a campioni standard di riferimento, particolari posizioni in cui la variabilità é minima? O é una media tra tutti i valori a tutte le posizioni, temperature e quote registrate? O ci si riferisce ancora ad altro? Grazie anticipatamente.
da Alessio

 

sem_esperto_verde

 Il Cambiamento Climatico rappresenta una delle questioni più importanti per l’umanità nel prossimo futuro. E’ ormai quasi certo che la causa dei mutamenti climatici dei giorni nostri sia da ricercarsi soprattutto nell’incremento dell’effetto serra icona_esperto[393] provocato dall’aumento di gas serra (ossidi di azoto, ozono, metano, clorofluorocarburi ma soprattutto anidride carbonica), sostanze che restituiscono alla superficie terrestre icona_esperto[106]gran parte dell’energia persa dal pianeta sotto forma di energia nell’infrarosso. Risulta pertanto fondamentale monitorare costantemente la concentrazione in atmosfera di tali gas. Il Global Greenhouse Gas Reference Network icona_linkesterno misura la distribuzione dei tre principali fattori del cambiamento climatico- anidride carbonica (CO2), metano (CH4) e protossido di azoto (N2O) – e di uno dei principali indicatori di inquinamento atmosferico – il monossido di carbonio (CO). Tale network fa parte dell’Earth System Research Laboratory (ESRL) icona_linkesterno del National Oceanic and Atmospheric Administration icona_linkesterno, con sede a Boulder, in Colorado. Le misurazioni sono effettuate da 4 laboratori base e 8 torri, e sono supportate da campioni d’aria raccolti da volontari in più di 50 siti, e campioni raccolti da piccoli velivoli per la maggior parte in Nord America. Le prime misure di CO2 furono effettuate presso l’osservatorio di Mauna Loa, Hawaii, a partire dal 1958, dal chimico Charles Keeling della Scripps Institution of Oceanography icona_linkesterno, UC San Diego. Lo scienziato ha dato il nome alla curva di Keeling, che mostra l’andamento dell’anidride carbonica nell’atmosfera. Ulteriori informazioni sulla composizione atmosferica in epoche precedenti sono invece ricavate dal carotaggio dei ghiacci antartici. Le misure di Mauna Loa rappresentano la più completa e lunga serie di dati relativi alla CO2, e sono tuttora utilizzate per fornire il valore giornaliero di CO2 (http://www.esrl.noaa.gov/gmd/ccgg/trends/weekly.html). Poichè La CO2 permane in atmosfera abbastanza a lungo da diffondersi in maniera omogenea su tutto il globo, anche misure effettuate da un’unica stazione (come Mauna Loa) sono rappresentative della concentrazione media di CO2 globale. Il 9 maggio del 2013 la concentrazione di CO2 ha raggiunto le 400 parti per milione (ppm), segnando un preoccupante record; in epoca preindustriale era di 280 ppm, mentre le prime misure di Keeling registravano 315 ppm.

 

Martina Buiat, Meteorologa

 

- IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) 2013, The Physical Science basis;

- C.D. Keeling, "The concentration and isotopic abundances of carbon dioxide in the atmosphere", Tellus, vol. 12, number 2, June 1960;

- E.G. Beck, "50 years of continuous measurement of CO2 on Mauna Loa", Energy and Environment, vol. 19, number 7, 2008; -M. Giuliacci, A. Giuliacci, P. Corazzon, "Manuale di meteorologia", 2010

ultimo aggiornamento giugno 2015

Tags:
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.