Tutte le risposte

0440. Fulmini vulcanici

Buongiorno, sarei molto interessata a capire il fenomeno dei fulmini vulcanici... potreste spiegarmelo? Laura Cerruti

 

 

 

 

sem_esperto_verde

 [...] Dall'altra parte una nube nera e terrificante, lacerata da lampeggianti soffi di fuoco che si esplicavano in linee sinuose e spezzate, si squarciava emettendo delle fiamme dalla forma allungata: avevano l'aspetto dei fulmini ma ne erano più grandi [...] Plinio il Giovane, EPISTULAE, VI

La prima testimonianza di fulmini icona_esperto[38] legati ad un’eruzione vulcanica può essere trovata nelle Epistulae di Plinio il Giovane, in cui veniva descritta l’eruzione del Vesuvio che distrusse Pompei nel 79 d. C. Di recente, le spettacolari tempeste di fulmini osservate durante le eruzioni del Eyjafjallajökull in Islanda, del Sakurajima in Giappone e, lo scorso aprile, del Cabuco in Cile, hanno richiamato l’attenzione sul fenomeno, che rimane ancora poco conosciuto.

I fulmini sono solitamente generati da nubi convettive precipitanti che contengono acqua sopraffusa e ghiaccio. Attraverso alcuni meccanismi complessi e ancora in fase di studio, avviene una separazione di cariche che porta alla formazione di regioni con segno opposto. Quando la differenza di potenziale tra due masse è sufficientemente elevata, riesce a superare la resistenza dell’aria per cui può avvenire la scarica elettrica.

I fulmini vulcanici si comportano allo stesso modo; secondo Martin Uman [1], professore presso l’Università della Florida ed uno dei massimi esperti in fulmini, affinchè si verifichi un fulmine vulcanico sono necessarie due condizioni: 1) materiale particolato di almeno due tipi diversi o con diverse proprietà (dimensione o temperatura) deve interagire in modo da generare cariche locali di segno opposto localizzate nelle diverse classi di particelle; 2) le diverse classi di particelle di segno opposto devono essere separate da una distanza dell’ordine della lunghezza del fulmine risultante.

Il primo punto è noto: la carica è generata durante l’espansione e la frattura del magma in particelle di cenere (processo di fratto-emissione).

Meno noto è invece il processo che porta alla separazione delle regioni di carica: una delle ipotesi si basa sulle diverse caratteristiche aerodinamiche del particolato. Ad esempio, se le cariche positive tendono ad essere concentrate nelle particelle più grandi, queste possono ricadere verso terra mentre le più piccole, caricate negativamente, vengono sollevate verso la parte superiore della nube.

Di recente McNutt dell’Università dell’Alaska e Williams del MIT [3] hanno sostenuto l’importanza della presenza nel magma di acqua che viene sollevata a chilometri di altezza generando gocce liquide e particelle di ghiaccio, e portando la nube a comportarsi come una normale nube temporalesca.

Le ceneri prodotte da un’eruzione possono causare molti problemi ai trasporti aerei: lo studio dei fulmini vulcanici attraverso le emissioni radio prodotte è un valido aiuto per rilevare la formazione di nubi piroclastiche specialmente di notte o durante il maltempo, quando nè i satelliti nè gli strumenti a terra sono in grado di determinare le dimensioni del fenomeno[2].

[1] M. Uman, The lightning discharge, Dover Publications, pp. 254-256, 2001

[2] S.R McNutt, C.M Davis, Lightning associated with the 1992 eruptions of Crater Peak, Mount Spurr Volcano, Alaska, Journal of Volcanology and Geothermal Research, Volume 102, Issues 1–2, October 2000, Pages 45–65

[3] Williams, E.R. and S.R. McNutt, Total water contents in volcanic eruption clouds and implications for electrification and lightning. Research Signpost, Recent Progress in Lightning Physics, 2005: ISBN: 81-308-0016-0, Ed.: C. Pontikis, 13p., 2005

 

Martina Buiat, meteorologa

 

ultimo aggiornamento agosto 2015

Tags:
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.