Tutte le risposte

0451. Come si arriva alla formula del principio di indeterminazione di Heisenberg?

anderson carlMatematicamente come posso ottenere questa formula: ΔxΔ(mv)= h/4π?
Il concetto credo sia abbastanza chiaro, il punto è che non so come si ricavi questa disequazione.
Alberto Mertoni

 

sem_esperto_verde

Le relazioni di indeterminazione, dovute al fisico tedesco Werner Heisenberg icona_minibiografia, rappresentano una soluzione creativa ad una serie di paradossi nati durante i primi sviluppi della teoria quantistica nei primi del '900 .

Grazie a questa fondamentale scoperta, numerosi e notevoli sono stati i successi nell'interpretazione dei fenomeni atomici, nella comprensione teorica e formale della meccanica quantistica , per non parlare degli importanti effetti ricaduti sulle applicazioni tecnologiche odierne (microscopia).

 

 

 

Secondo Heisenberg, nella formulazione originaria della cosiddetta meccanica delle matrici (prima versione della moderna teoria dei quanti, sviluppata assieme ai connazionali Max Born e Pascual Jordan), qualsiasi esperimento fisico deve essere espresso nei termini della fisica classica, linguaggio attraverso il quale descriviamo la preparazione di tale esperimento e ne esprimiamo i risultati. Non possiamo e né dovremmo sostituire questi concetti con altri. Tuttavia, l'applicazione di questi concetti risulta limitata, nella misura quantificata dalle relazioni di indeterminazione. In altre parole, è buona norma tenere presente il campo di applicabilità dei concetti classici quando questi vengono invocati, con la convinzione di non doversi spingere oltre. Questa interpetazione, assieme ad una serie di altri precetti filosofico-concettuali, viene detta interpretazione di Copenaghen ed è  alla base (nella maggioranza dei casi) dell'insegnamento e della comprensione attuale della meccanica quantistica. Esistono ovviamente impostazioni filosofiche differenti alla base di queste disuguaglianze: quella realista-duale, dovuta ad Einstein icona_minibiografia e de Broglie icona_minibiografia, per citarne una, considera tali relazioni come mere formule di dispersione, citandole spesso come semplici relazioni di incertezza, svuotandole del pesante concetto limitativo di inconoscibilità propugnato dall'interpretazione dominante. Tuttavia, a prescindere dall'atteggiamento personale con cui le si interpreta, costituiscono senza dubbio alcuno un principio cardine alla base della comprensione dei fenomeni microscopici.

Il ragionamento seguito da Heisenberg per ricavarle partiva da un'analisi fenomenologica della dualità onda/corpuscolo e dei processi di misura: considerando una sola dimensione spaziale x, definiamo Δx come distanza caratteristica tra due punti alle opposte estremità di un pacchetto d'onda. In sostanza ∆x è l'errore con cui si conosce la posizione del corpuscolo associato all'onda, del quale si sa soltanto che sarà trovato all'interno del pacchetto d'onda, senza esattamente conoscere dove. Analogamente sia Δp l'incertezza con cui si conosce la quantità di moto p=mv del corpuscolo di massa m e velocità v. Si dimostra che deve valere sempre la seguente relazione:

ΔxΔp≥ℏ/2 ,

dove e' la costante di Planck divisa per 2π. Vediamo in breve come. Data una grandezza fisica qualsiasi A, si definisce dispersione la differenza che c’è tra il suo valore e il suo valor medio ⟨A⟩ 

δA=A-⟨A⟩ .

Se consideriamo il valor medio del quadrato della dispersione ⟨(δA)2 ⟩=⟨A2 ⟩-⟨A⟩2, questo può essere pensato come l'incertezza sulla grandezza fisica A nella configurazione del sistema fisico che stiamo considerando. Prendiamo adesso un'altra grandezza fisica B e diciamo che vale questa relazione generalizzata (si può dimostrare tramite alcuni strumenti di base del formalismo di Dirac icona_minibiografia della meccanica quantistica):

⟨(δA)2 ⟩⟨(δB)2 ⟩  ≥  1/4 |(AB-BA)|2 .

Applichiamo ora la relazione precedente al caso in cui A e B siano due variabili coniugate come posizione e quantità di moto (ma potrebbero essere anche energia e tempo, ad esempio) lungo una dimensione spaziale: A=x, B=p=px. Introducendo le quantità:

∆x=√(δx)2,    Δp=(δp)2,

e sapendo che, in meccanica quantistica vale la nota relazione xp−px=i, dove i è l'unità immaginaria, sostituendo nella formula generalizzata si ottiene la famosa relazione di indeterminazione tra posizione e impulso sopra citata.

In altre parole non è possibile conoscere simultaneamente con precisione arbitraria la posizione di una particella microscopica e la sua velocità in un dato istante. A partire da questo risultato, vien da sé che, in meccanica quantistica, è necessario abbandonare il concetto di traiettoria classica (l'insieme delle posizioni assunte da una particella in moto nello spazio e nel tempo): se si cerca di determinarne la posizione con certezza (Δx→0), l'impulso diventa completamente indeterminato (Δp→∞) e viceversa.

 

Bibliografia:

• J. J. Sakurai, Modern Quantum Mechanics, Addison Wesley (1994);

• W. Heisenberg, The physical principles of the quantum theory, University of Chicago Press (1930);

• L. de Broglie, The current interpretation of wave mechanics, Elsevier (1964).

 

Giuseppe Iacobellis, fisico

 

ultimo aggiornamento marzo 2016

Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.