0474. Sulla connessione fra Higgs e la gravità

higgs gravitConsiderando che l'interazione con il campo di Higgs "genera" la massa nelle particelle e che la massa di un corpo rientra nelle equazioni gravitazionali, che relazione c'è fra il campo di Higgs e il campo gravitazionale? (Roberto)

sem esperto verde

La domanda è lecita perché deriva dal combinare, con perdonabile ingenuità, due concetti: da un lato, l’idea semplice che nella popolarizzazione della scienza si cerca di trasmettere sul campo di Higgs (il campo di Higgs "genera" la massa nelle particelle), dall’altro, una delle poche certezze di Fisica con cui si esce dal liceo: la gravità agisce sui corpi in modo proporzionale alla loro massa e dunque la massa di un corpo rientra nelle equazioni gravitazionli.
Ma la realtà è più complicata e questa combinazione porta totalmente fuori strada! La risposta breve è che non tutta la massa viene dal campo di Higgs e che il campo gravitazionale, come ce lo spiega Einstein, non è legato alla massa, ma a qualcosa di più complicato che tiene in conto l’energia e l’impulso di ogni particella.
Partendo da concetti di base, osserviamo che la massa di un corpo compare nelle equazioni gravitazionali à la Newton, scritte nel 1600. Ma Einstein ci ha insegnato, all’inizio del 1900 (prima ancora che venisse scoperto il protone e determinata la sua massa!), che la teoria di Newton funziona bene per corpi che si muovono lentamente, mentre va rivista e complicata per particelle che viaggino a velocità (c) vicine a quella della luce. Di conseguenza, per descrivere l’effetto della gravità non si usa la massa di un corpo, ma un cocktail fra IMPULSO p=mv e MASSA a riposo, dato dall’energia E=pc+mc2. Per questo anche particelle prive di massa come i fotoni, che trasportano i segnali elettromagnetici, ed i gluoni, loro parenti che agiscono da collante per i quarks nei nuclei, partecipano ai fenomeni gravitazionali attraverso la loro energia. Dunque la legge di Newton, in cui l’attrazione gravitazionale fra due corpi è proporzionale al prodotto delle loro masse m1 m2, è stata corretta da Einstein in una regola in cui compare il prodotto delle loro energie, E1 E2 . Non c’è contraddizione fra Newton ed Einstein perché per un corpo che si muove piano, v<<c, la parte di energia portata dalla massa prevale su quella portata dall’impulso, dall’impulso, pc<<mc2.

Pianeti e satelliti per esempio si muovono piano intorno al Sole rispetto alla velocità della luce, per cui la teoria di Newton funziona bene per prevedere i loro moti.

In una descrizione più completa della Relatività, le equazioni del campo gravitazionale di Einstein, necessarie per trattare situazioni più generali, non si basano dunque direttamente sulla massa di un corpo ma su una mistura di energia ed impulso la cui presenza genera la curvatura dello spazio-tempo: questa è ciò che esprime per bene l’effetto della gravità, costringendo i corpi a certe traiettorie invece di altre. Queste equazioni sono adatte a descrivere qualsiasi corpo attraverso la sua energia, qualunque sia la sua velocità rispetto a noi che lo osserviamo.
Quale relazione speciale esiste allora fra il campo gravitazionale, come descritto da Einstein, ed il campo di Higgs? Praticamente nessuna…. Infatti, nel modo approssimativo in cui esso viene presentato come il generatore della massa, si mettono sotto il tappeto alcuni fatti importanti:
Il campo di Higgs fornisce la massa a particelle elementari come quarks, elettroni, neutrini, bosoni vettori W e Z,… ma per esempio non basta a spiegare l’origine della massa di un banale protone, all’interno del quale sono confinati i quarks e dove esistono fenomeni legati alla cromodinamica quantistica non ancora totalmente chiariti, o di qualsiasi corpo macroscopico fatto di tanti atomi, dunque di tanti protoni e neutroni. Per non parlare del fatto che siamo ancora piuttosto confusi su chi fornisca la massa all’Higgs stesso, che è stata determinata essere 125 GeV/c2 ma che potrebbe avere origine da molteplici ed ancora misteriose fonti, la cui comprensione dipenderebbe dall’evoluzione cosmologica e da un ipotetico modello unificato di tutte le interazioni fondamentali che oggi costituisce una frontiera della ricerca. Higgs non ci spiega poi di cosa è composta la materia oscura, che fornisce la maggior parte della massa al nostro Universo ed in particolare alla nostra galassia. Ed infine, nello stesso spirito, Higgs non ci spiega l’enorme massa concentrata entro l’orizzonte dei buchi neri, che per quanto ne sappiamo potrebbe essere costituita dalla pura energia di particelle a massa nulla o da materia ordinaria per la quale solo una minima parte della massa è spiegata dall’Higgs, o da chissà cosa. Sorvoliamo poi su modelli in cui il bosone di Higgs ha dei fratelli o una struttura compostaQuindi la conclusione è che non esiste una relazione speciale fra campo di Higgs e gravità, perché il campo di Higgs non è l’unico responsabile della massa dei corpi macroscopici, anche se la fornisce alla più parte delle particelle elementari. La gravità nella versione moderna descritta da Einstein è legata ad energia ed impulso e non alla massa ed agisce universalmente, indipendentemente dal campo di Higgs che dal suo punto di vista è una particella come le altre!

Anna Ceresole, fisico 

 ultimo aggiornamento settembre 2018

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.