0480. Fotoni

airy1Buongiorno, parto dal fatto che dalla Terra, percepiamo una stella come un punto luminoso. La mia domanda è questa: le particelle, in questo caso i fotoni, partendo dalla stella e diffondendosi nello spazio non dovrebbero disperdersi, allontanarsi tra loro? Di conseguenza, più aumenta la distanza percorsa dal punto di partenza, più aumenta la distanza tra i singoli fotoni; per questo mi chiedo perché al posto di un punto non si veda qualcosa di simile ad un alone?
(Stefano)

sem esperto arancione

I raggi luminosi, se indisturbati, procedono in linea retta e l’osservatore viene raggiunto solo dai raggi che si trovano sulla linea di vista. La magnitudine apparente di un oggetto luminoso dipende infatti dalla luminosità intrinseca dell’oggetto e dalla sua distanza dall’osservatore. E’ vero che i fotoni si "disperdono" e illuminano lo spazio circostante alla sorgente luminosa in direzioni diverse dalla linea di vista dell’osservatore, il quale non essendo raggiunto da questi raggi non ha alcuna percezione di "alone" luminoso intorno alla sorgente.
Facendo un’analisi un po’ più accurata possiamo capire come la percezione della stella (o più genericamente di un corpo celeste) come puntiforme sia frutto di un’approssimazione.
Consideriamo il caso più semplice, ovvero che l’osservatore si trovi al di fuori dell’atmosfera terrestre. La stella - posta a distanza che possiamo approssimare come infinita - non è affatto una sorgente luminosa puntiforme ma noi la percepiamo come tale perché è un oggetto non risolto.
La risoluzione di uno strumento ottico è la capacità di produrre immagini distinte di due oggetti molto vicini tra loro. Ogni strumento ottico è caratterizzato da un’apertura, in genere circolare, per cui la sua risoluzione è limitata a sua volta dagli effetti della diffrazione, un limite fisico oltre il quale non è possibile scendere in quanto conseguenza diretta del principio di indeterminazione di Heisenberg.
Se pensiamo all’occhio umano come strumento ottico, il potere risolutivo è determinato quindi dalla sua apertura: la pupilla.
I raggi di luce che vengono raccolti da un osservatore (posto fuori dall’atmosfera) sono concentrati in una figura di diffrazione che dipende solo dall’apertura dello strumento con cui osserva, che prende il nome di Disco di Airy (figura sotto), le cui dimensioni sono direttamente proporzionali alla lunghezza d’onda della luce osservata, e inversamente proporzionali all’apertura del suo strumento (o diametro della lente). La larghezza (angolare) del picco centrale contiene la maggior parte della luce e quel picco di luminosità viene percepito a occhio nudo come proveniente da un oggetto puntiforme (non risolto).
 
airy2
 
Portando ora il nostro osservatore all’interno dell’atmosfera terrestre vediamo che i risultati dell’osservazione di una stella possono essere molto diversi.
L’atmosfera terrestre è caratterizzata in modo variabile da turbolenze che fanno variare l’indice di rifrazione. Poiché la figura di diffrazione della nostra stella ha una dimensione angolare inferiore agli spostamenti del raggio luminoso provocati dalla turbolenza terrestre, vediamo la stella tremolare, o più tecnicamente scintillare. I raggi deviati dall’atmosfera cadono al di fuori del cerchio di Airy osservato un istante prima e quindi si perde la percezione dell’immagine puntiforme, avvertendo la sensazione di un “movimento” dell’oggetto osservato come variazione della sua luminosità (twinkling).
Se osserviamo i pianeti del Sistema Solare (che non emettono luce ma riflettono quella della nostra stella, il Sole) la nostra percezione è ancora diversa. Essendo più vicini, viene meno l’approssimazione dell’infinitamente lontano che vale nel caso delle stelle, hanno una dimensione ottica maggiore e possono essere considerati sorgenti estese. Complessivamente il fenomeno della scintillazione viene integrato sulla superficie dell’oggetto e il fenomeno risulta molto meno evidente. E’ possibile notare la scintillazione di un pianeta in caso di atmosfera particolarmente turbolenta o se osserviamo vicino all’orizzonte. La capacità risolutiva di uno strumento ottico posto in atmosfera non è quindi più limitato solo dal fenomeno della diffrazione ma anche dal cosiddetto seeing atmosferico, un parametro definito dagli effetti provocati dalla turbolenza atmosferica che contribuiscono a degradare la qualità dell'immagine osservata.
Per questo motivo, i siti in cui sono installati i telescopi ottici vengono scelti (anche) in base alla valutazione del seeing. Per ridurre il disturbo introdotto dall’atmosfera e avvicinarci alle condizioni “spaziali” (extra-atmosferiche) oggi vengono utilizzate le tecniche dell’ottica adattiva, affinché il telescopio compensi in tempo reale la scintillazione atmosferica dell’oggetto osservato restituendo un’immagine non degradata dall’atmosfera, cosa impossibile per l’occhio umano.
 

Rossella Spiga, astronoma

ultimo aggiornamento gennaio 2019

© 2002 - 2019 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

PRIVACY POLICY

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.