Rubrica biografie

Millikan Robert A.

scienzapertutti_Robert_millikan

 Biografia estratta da Nobel Lectures, Physics 1922-1941. 

nobelprize1923 Premio Nobel per la Fisica

(1868-1953) Robert Andrews Millikan was born on the 22nd of March, 1868, in Morrison, Ill. (U.S.A.), as the second son of the Reverend Silas Franklin Millikan and Mary Jane Andrews. His grandparents were of the Old New England stock which had come to America before 1750, and were pioneer settlers in the Middle West. He led a rural existence in childhood, attending the Maquoketa High School (Iowa). After working for a short time as a court reporter, he entered Oberlin College (Ohio) in 1886.

During his undergraduate course his favourite subjects were Greek and mathematics; but after his graduation in 1891 he took, for two years, a teaching post in elementary physics. It was during this period that he developed his interest in the subject in which he was later to excel. In 1893, after obtaining his mastership in physics, he was appointed Fellow in Physics at Columbia University. He afterwards received his Ph.D. (1895) for research on the polarization of light emitted by incandescent surfaces - using for this purpose molten gold and silver at the U.S. Mint. On the instigation of his professors, Millikan spent a year (1895-1896) in Germany, at the Universities of Berlin and Göttingen. He returned at the invitation of A. A. Michelson, to become assistant at the newly established Ryerson Laboratory at the University of Chicago (1896). Millikan was an eminent teacher, and passing through the customary grades he became professor at that university in 1910, a post which he retained till 1921.

During his early years at Chicago he spent much time preparing textbooks and simplifying the teaching of physics. He was author or co-author of the following books: A College Course in Physics, with S.W. Stratton (1898); Mechanics, Molecular Physics, and Heat (1902); The Theory of Optics,with C.R. Mann translated from the German (1903); A First Course in Physics, with H.G. Gale (1906); A Laboratory Course in Physics for Secondary Schools,with H.G. Gale (1907); Electricity, Sound, and Light,with J. Mills (1908); Practical Physics - revision of A First Course(1920); The Electron(1917; rev. eds. 1924, 1935). As a scientist, Millikan made numerous momentous discoveries, chiefly in the fields of electricity, optics, and molecular physics. His earliest major success was the accurate determination of the charge carried by an electron, using the elegant "falling-drop method"; he also proved that this quantity was a constant for all electrons (1910), thus demonstrating the atomic structure of electricity. Next, he verified experimentally Einstein's all-important photoelectric equation, and made the first direct photoelectric determination of Planck's constant h (1912-1915).

In addition his studies of the Brownian movements in gases put an end to all opposition to the atomic and kinetic theories of matter. During 1920-1923, Millikan occupied himself with work concerning the hot-spark spectroscopy of the elements (which explored the region of the spectrum between the ultraviolet and X-radiation), thereby extending the ultraviolet spectrum downwards far beyond the then known limit. The discovery of his law of motion of a particle falling towards the earth after entering the earth's atmosphere, together with his other investigations on electrical phenomena, ultimately led him to his significant studies of cosmic radiation (particularly with ionization chambers).

Throughout his life Millikan remained a prolific author, making numerous contributions to scientific journals. He was not only a foremost scientist, but his religious and philosophic nature was evident from his lectures on the reconciliation of science and religion, and from his books: Science and Life(1924); Evolution in Science and Religion (1927); Science and the New Civilization (1930); Time, Matter, and Values (1932). Shortly before his death he published Electrons (+ and –), Protons, Photons, Neutrons, Mesotrons, and Cosmic Rays (1947; another rev. ed. of The Electron, previously mentioned,) and his Autobiography(1950). During World War I, Millikan was Vice-Chairman of the National Research Council, playing a major part in developing anti-submarine and meteorological devices. In 1921, he was appointed Director of the Norman Bridge Laboratory of Physics at the California Institute of Technology, Pasadena; he was also made Chairman of the Executive Council of that institute. In 1946 he retired from this post. Professor Millikan has been President of the American Physical Society, Vice-President of the American Association for the Advancement of Science, and was the American member of the Committee on Intellectual Cooperation of the League of Nations, and the American representative at the International Congress of Physics, known as the Solvay Congress, at Brussels in 1921.

He held honorary doctor's degrees of some twenty-five universities, and was a member or honorary member of many learned institutions in his country and abroad. He has been the recipient of the Comstock Prize of the National Academy of Sciences, of the Edison Medal of the American Institute of Electrical Engineers, of the Hughes Medal of the Royal Society of Great Britain, and of the Nobel Prize for Physics 1923. He was also made Commander of the Legion of Honour, and received the Chinese Order of Jade. Millikan was an enthusiastic tennis player, and golf was also one of his recreations. Professor Millikan married Greta Erwin Blanchard in 1902; they had three sons: Clark Blanchard, Glenn Allen, and Max Franklin.

He died on the 19th of December, 1953, in San Marino, California.

 

Tags:

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.