Rubrica biografie

Chien Shiung Wu nasce il 31 maggio 1912

Biografia della rubrica “Vita da genio” a cura di Chiara Oppedisano

Chien Shiung Wu nacque nella piccola città di Liuhe vicino a Shanghai nel Maggio 1912, proprio all’indomani della rivoluzione repubblicana che sancì importanti diritti per le donne cinesi, tra cui quello di poter accedere all’istruzione. Suo padre, un ingegnere, credeva nell’uguaglianza tra uomo e donna e istituí la prima scuola femminile della regione nella quale Chien Shiung iniziò i suoi studi incoraggiata dai genitori.

A 10 anni dovette lasciare la famiglia per continuare gli studi a Shangai. Nel 1929 fu ammessa all’Università Nazionale Centrale (che in seguito divenne Università di Najing) dove si laureò nel 1934 in fisica con il massimo dei voti.
Nel 1936 partí per gli Stati Uniti grazie al sostegno economico di uno zio e a una borsa di studio accordatale dall’Università del Michigan. Non arrivò mai nel Michigan: sbarcata a San Francisco, fece visita al dipartimento di fisica di Berkeley, accompagnata da uno studente cinese, Luke Yuan, che studiava con il professor Lawrence, costruttore del primo acceleratore di particelle, il ciclotrone. Lawrence rimase molto impressionato da Chien Shiung, tanto da offrirle una borsa di dottorato perché restasse a Berkley. Chien Shiung accettò. Qualche anno dopo, nel 1942, Luke Yuan divenne suo marito.

Iniziò dunque il dottorato in fisica nucleare sperimentale studiando la catena di fissione dell’uranio, seguita dal professor Lawrence e da Emilio Segrè e collaborando con scienziati del calibro di Robert Oppenheimer. Conseguì il titolo di dottore in ricerca nel 1940.

In quegli anni, ad Hanford, Enrico Fermi stava studiando le reazioni di produzione di plutonio. Fermi e i suoi collaboratori però si imbattevano in un problema che non riuscivano a risolvere: dopo aver funzionato per qualche ora, la reazione si spegneva spontaneamente. Narrano le cronache che Segrè abbia consigliato a Fermi di “chiedere a Madame Wu”, la quale suggerì che uno dei prodotti della catena di fissione, lo Xenon-135, avesse un’alta sezione d’urto di cattura dei neutroni prodotti, diminuendo così la probabilità di innesco di ulteriori fissioni.

Pochi mesi dopo il suo arrivo negli Stati Uniti, a cavallo tra il 1937 e il 1938, il Giappone aveva invaso la Cina, perpetrando orribili crimini sulla popolazione civile. Chien Shiung per 8 lunghi anni non ebbe notizie della sua famiglia e non potè sapere se fossero stati risparmiati dagli orrori della guerra.

Nel 1942, si spostò sulla costa orientale degli Stati Uniti seguendo il marito che aveva ottenuto un posto a Princeton. Chien Shiung si scontrò con i pregiudizi che a quell’epoca non permettevano a una donna di insegnare nella maggior parte delle università americane. Soltanto l’accorata raccomandazione del professor Lawrence riuscì a far sì che diverse prestigiose università le offrissero un posto. Scelse Princeton, diventando la prima donna ad insegnarvi. Nel giro di qualche mese fu assoldata per il progetto Manhattan presso la Columbia University, dove si occupò dell’arricchimento dell’uranio, ovvero della separazione dall’isotopo abbondante di Uranio 238 del più raro ma enormemente più fissile Uranio 235.

La fine della guerra le portò diverse liete notizie: la sua famiglia in Cina era sana e salva, la Columbia University le offrì un posto da ricercatore senior e nel 1947 nacque suo figlio, Vincent. Negli anni successivi si dedicò allo studio del decadimento beta, quello che rimase sempre per lei “come un caro vecchio amico”. Confermò sperimentalmente la teoria elaborata da Enrico Fermi sui decadimenti beta e sulle interazioni deboli, conducendo con rigore, completa dedizione e accurata sistematicità i suoi esperimenti.

Nel 1949 in Cina si instaurò il regime comunista, Chien Shiung ottenne la cittadinanza americana. Questi avvenimenti non le permisero di ritornare in Cina fino agli anni Settanta.

Nel 1956, per spiegare alcune osservazioni sperimentali su alcune particelle appena scoperte, i fisici Tsung Dao Lee e Chen Ning Yang ipotizzarono che la parità potesse non essere conservata nelle interazioni deboli (la conservazione della parità implica che la leggi che governano un sistema siano valide anche per la sua immagine speculare, ovvero che la natura non prediliga una direzione). Chien Shiung decise di mettersi al lavoro per verificare sperimentalmente questa ipotesi, utilizzando un isotopo del Cobalto. L’esperimento doveva essere effettuato a temperature prossime allo zero assoluto (-273.15 ℃) e Chien Shiung propose di collaborare con un gruppo il National Bureau of Standards di Washington dove avevano le attrezzature necessarie all’esperimento che intendeva effettuare. L’esperimento fu pronto un paio di giorni dopo il Natale 1956, le misure vennero ripetute e controllate scrupolosamente per giorni. Il 9 Gennaio 1957 il gruppo guidato da Chien Shiung annunciò che la parità non era conservata nelle interazioni deboli. Fu una scoperta sensazionale, che ribaltava ancora una volta le certezze del mondo della fisica e apriva nuovi scenari. Nello stesso anno Lee e Yang ricevettero il premio Nobel per la scoperta. Il riconoscimento purtroppo era stato dato solo a chi aveva formulato la teoria e lei, che aveva condotto il cruciale esperimento, era stata dimenticata. Negli anni seguenti della sua carriera scientifica studiò gli atomi esotici e, nell’ultimo periodo, passò alla biofisica studiando le anomalie nell’emoglobina in caso di anemie. Dopo essersi ritirata dalla vita accademica, riprese il cammino da dove suo papà le aveva fatto muovere i primi passi, iniziò infatti a girare il mondo spendendosi per raccontare e testimoniare come con determinazione, impegno e dedizione era riuscita a entrare in un mondo che era precluso alle donne. 
La “Madame Curie cinese”, come spesso è stata chiamata, riuscì così a sensibilizzare e ispirare ragazze e donne di tutto il mondo. E continua a farlo ancora oggi. Morí nel 1997, le sue ceneri, come per sua volontà, sono conservate nel cortile della scuola fondata da suo padre per permettere a lei e alle altre bambine della regione di studiare.

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.