Rubrica biografie

Isidor Isaac Rabi nasce il 29 luglio 1898

rabi isidor

Biografia della rubrica “Vita da genio” a cura di Chiara Oppedisano

Vi è mai capitato di fare una risonanza magnetica? Lo dovete a Isidor Isaac Rabi, che nel 1944 ricevette il premio Nobel per la scoperta della risonanza magnetica nucleare. Rabi nacque nell’attuale Polonia nel Luglio del 1898 in una famiglia ebraica ortodossa che emigrò negli Stati Uniti l’anno successivo, stabilendosi a New York. Rabi ricevette un’educazione scolastica di medio livello, ma fin da ragazzino divorava tutti i libri su argomenti scientifici che trovava nelle biblioteche scolastiche e in quelle pubbliche. Quando, sempre ragazzino, lesse la teoria Copernicana diventò ateo e la scienza prese il sopravvento nella sua vita: decise di capire come funzionava il mondo. Iniziò studiando chimica. In seguito però, come dichiarò in diverse interviste, scoprì che la chimica che gli piaceva di più era in realtà… fisica!

Conseguì il dottorato alla Columbia University. Nel 1927 partí con la moglie per l’Europa dove andò perché studiando negli Stati Uniti “conosceva il libretto, ma non la musica”. Nel vecchio continente ebbe l’opportunità di incontrare e di lavorare con i “maestri” della fisica quantistica che proprio in quel periodo era in rapida evoluzione: Schröedinger, Sommerfeld, Heisenberg, Bohr, Born, Pauli, Stern. Al suo rientro, nel 1929, divenne assistente alla Columbia. Nel 1930 iniziò a sperimentare nuove tecniche per lo studio di fasci molecolari con lo scopo di misurare le proprietà magnetiche dei nuclei. In quel periodo i fisici sapevano che il nucleo era composto da protoni e neutroni e che le particelle avevano un momento angolare di “spin”, numero quantico associato alla rotazione della particella attorno al suo asse. Il nucleo possiede un momento magnetico associato allo spin, e se posto in un campo magnetico esterno sufficientemente intenso, tende ad allinearsi con esso, proprio come quando osserviamo l’ago di una bussola o della limatura di ferro in vicinanza di una calamita.

Allineamento dei nuclei posti in campo elettromagnetico esterno con la stessa frequenza del loro moto di precessione.

In Europa, nel laboratorio di Stern, Rabi aveva utilizzato un apparato sperimentale con un campo magnetico molto intenso utilizzato per deflettere gli atomi. Alla Columbia invece accoppiò al campo magnetico intenso due campi più deboli che gli permisero di ottenere misure molto precise dei momenti magnetici degli atomi e dei nuclei. Rabi predisse inoltre che il momento magnetico di un nucleo potesse essere indotto a invertire la sua orientazione magnetica (“spin flip”) se avesse assorbito energia da un’onda elettromagnetica alla frequenza necessaria, ovvero in condizioni di risonanza. I nuclei avrebbero poi emesso l’energia assorbita tornando allo stato originale. Riuscì sperimentalmente a verificare la sua ipotesi e pubblicò i risultati che gli valsero il premio Nobel. In seguito, dal principio sperimentato da Rabi, fu sviluppata la tecnica di immagine in medicina diagnostica da Edward Purcell e Felix Bloch che vinsero a loro volta il Nobel nel 1952. Nel 1977 la prima risonanza magnetica fu effettuata su un essere umano. Durante la seconda guerra mondiale Oppenheimer gli offrí un incarico nel progetto Manhattan; Rabi preferí però collaborare senza recarsi a Los Alamos, lavorando invece sullo sviluppo dei radar al RadLab del Massachusetts Institute of Technology (MIT). 


Dopo la guerra ebbe un numero considerevole di incarichi, tra i quali ci piace ricordare il contributo fondamentale alla nascita dei Laboratori Nazionali di Brookhaven dal 1946 e il ruolo, in qualità di delegato dell’UNESCO, nella nascita del CERN dal 1952. Rabi credeva molto nella scienza per il superamento delle barriere e per il ruolo cruciale che gli scienziati di tutto il mondo possono e devono avere per radicare la pace. Nel suo discorso per il trentesimo anniversario del CERN usò parole che sono sempre attuali ed ispiratrici: "Il CERN è stato fondato meno di 10 anni dopo la costruzione della bomba atomica. […] Spero che gli scienziati al CERN si ricordino di avere anche altri doveri oltre che proseguire la ricerca nella fisica delle particelle. Essi rappresentano il risultato di secoli di ricerca e di studio per mostrare il potere dello spirito umano. Quindi mi appello a loro affinché non si considerino tecnici, ma guardiani di questa fiamma dell'unità europea, così che l'Europa possa salvaguardare la pace nel mondo”. Rabi raccontava che fu sua mamma a fare di lui uno scienziato, seppur non intenzionalmente, poiché ogni giorno all’uscita dalla scuola, mentre le altre mamme chiedevano ai loro bambini se avessero imparato qualcosa quel giorno, lei gli domandava: “Izzy, hai fatto qualche buona domanda oggi?”. Quindi forse, in ultima analisi, se oggi possiamo fare una risonanza magnetica lo dobbiamo anche un pò alla mamma di Isidor Isaac Rabi.

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.