Rubrica biografie

Hofstadter, Robert

Robert Hofstadter nasce il 5 febbraio 1915, New York

Biografia della rubrica “Vita da genio” a cura di Chiara Oppedisano

robert hofstadter 1

Nel 1908 Ernst Rutherford aveva inaspettatamente scoperto l’esistenza del nucleo all’interno degli atomi, bombardando un sottile foglio d’oro con particelle alfa (composte da 2 protoni e due 2 neutroni). Una quarantina di anni dopo, Robert Hofstadter utilizzò elettroni di alta energia per bombardare i nuclei e studiarne la struttura. Raccogliendo l’eredità scientifica di Rutherford, Robert (Bob per i colleghi) sfruttò le sue capacità sperimentali e le possibilità che la tecnologia gli offriva per studiare neutroni e protoni nei nuclei e scoprire che non erano particelle elementari ma avevano una loro struttura. Queste scoperte gli valsero il premio Nobel nel 1961.

Robert nacque a Manhattan, New York il 5 Febbraio del 1915 in una famiglia comune, il padre era rivenditore di sigarette. Frequentò le scuole pubbliche e poi il City College di New York, dove si diplomò ottenendo la lode nel 1935 e ricevendo anche il rinomato premio Kenyon per la matematica e la fisica, discipline nelle quali eccelleva. La General Electrical Company gli assegnò una borsa di studio che gli permise di iscriversi all’Università di Princeton. Iniziò gli studi certo di voler diventare un fisico teorico, ma fin dal primo anno iniziò a “smanettare” in laboratorio, occupandosi di misure di spettri infrarossi di molecole, imparando a utilizzare una camera a nebbia e innamorandosi così delle possibilità, delle sfide e delle soddisfazioni che la fisica sperimentale gli offriva. Conseguì il Ph.D. nel 1938 con un lavoro sul legame a idrogeno.

Quell’estate fu invitato ai General Electric Laboratory per studiare la conduttività luminosa della willemite (un minerale con proprietà di fluorescenza a quei tempi utilizzato negli schermi delle televisioni). Tornò nell’autunno a Princeton con una prestigiosa borsa Procter per proseguire il suo lavoro di ricerca. Collaborando con Robert Herman scoprì che alcuni cristalli possono sviluppare una corrente di riscaldamento che dimostrava l’esistenza di stati trappola in questi cristalli. Nel 1939 Frederick Seiz, ricercatore a Princeton appena assunto all’Università della Pennsylvania, lo invitò a raggiungerlo per approfondire questi studi in fisica dello stato solido. Robert si trasferì in Pennsylvania, ma preferì cambiare ambito, unendosi al gruppo che stava costruendo un acceleratore di Van Der Graaf. Durante questo periodo Robert incontrò Leonard Schiff, che sarebbe poi diventato direttore del Dipartimento di Fisica a Stanford, nonché suo amico e collega.

Nel 1941 con l’entrata in guerra degli Stati Uniti, Robert lavorò prima presso il National Bureau of Standards e poi alla Norden Laboratory Corporation, studiando metodi di innesco e radar per altimetria.

Al termine della guerra tornò a Princeton come assistente al Dipartimento di Fisica e Astronomia, iniziando a studiare metodi di rivelazione di raggi gamma, ovvero fotoni. Unendo le sue conoscenze di stato solido all’utilizzo di materiali scintillanti per la rivelazione di fotoni, sviluppò un rivelatore utilizzando un alogeno alcalino, lo ioduro di sodio (NaI), invece dei cristalli organici allora comunemente utilizzati. Scoprì che aggiungendo una piccolissima percentuale di tallio (Tl) si poteva aumentare significativamente l’efficacia di rivelazione dei raggi gamma. Nel 1948 brevettò la sua scoperta per la rivelazione di radiazione ionizzante. Come dichiarò in seguito, dopo l’attribuzione del premio Nobel, Robert era convinto che la scoperta della fluorescenza dei cristalli di NaI(Tl) costituisse il suo maggior contributo alla scienza.

In effetti qualche anno più avanti le sue competenze su questo tipo di rivelatori lo portarono a elaborare un metodo per effettuare angiografie poco invasive. Il metodo consisteva nell’iniettare nel paziente una piccola dose di un agente di contrasto a base di iodio, che in breve raggiunge il cuore permettendo di ottenere un immagine molto ben definita del sistema delle arterie. Nel 1984 sarà eletto membro dell’Institute of Medicine per i suoi contributi in fisica medica.

robert hofstadter 1

 Robert Hofstadter a Stanford vicino a uno degli apparati sperimentali da lui progettato e costruito.

Il potenziale dei nuovi rivelatori a scintillazione e le indubbie capacità di Hofstadter suscitarono interesse, arrivarono così proposte di lavoro da Berkeley e da Stanford. Nell’Agosto del 1950 Robert si mise in viaggio per attraversare gli Stati Uniti diretto a Stanford, dove il suo amico Leonard Schiff dirigeva il Dipartimento di Fisica. Inizialmente Robert collaborò con Jack McIntyre per estendere l’utilizzo degli scintillatori allo studio di radiazione X, neutroni, particelle alfa e muoni.

Ma proprio in quel periodo a Stanford era in costruzione il primo acceleratore al mondo per elettroni di alte energie, il Mark III. Questa macchina diede a Robert l’opportunità di effettuare esperimenti all’avanguardia. Decise quindi di usare gli elettroni di alta energia forniti dall’acceleratore (inizialmente a 180 MeV, poi a 400 MeV e 600 MeV) per studiare la struttura del nucleo e dei suoi componenti, il neutrone e il protone. Robert dovette mettere in campo tutte le sue competenze per poter ottenere dei risultati precisi e significativi. Progettò il magnete che gli sarebbe servito per selezionare e focalizzare gli elettroni dell’energia opportuna, del peso di 2.5 tonnellate. Riuscì a costruirlo grazie a un cospicuo finanziamento che ottenne dall’Ufficio di Ricerca Navale. Gli elettroni venivano poi fatti incidere su un bersaglio nucleare posto sotto vuoto e studiando l’angolo con cui venivano deflessi, Robert misurò il raggio dei nuclei, stabilendo che il protone non era un oggetto puntiforme ma il suo raggio era di circa 0.75 fm ovvero 0.75 x 10-15 m.

Per investigare il nucleo su scale ancora più piccole, erano necessarie energie maggiori che furono ben presto disponibili all’acceleratore di Stanford. Tuttavia particelle di energia maggiore necessitano anche di campi magnetici più intensi per essere deviate. Quando l’acceleratore raggiunse l’energia di 1 GeV, Robert fece costruire un magnete di 200 tonnellate! Ma la sfida tecnologica non aveva riguardato soltanto il magnete ma anche i sistemi di controllo del fascio di elettroni e della sua estrazione in condizioni ottimali per l’esperimento. Robert non si era mai perso d’animo di fronte alle nuove sfide: se serve energia maggiore, allora si costruirà un magnete più grande!

Nel 1961 gli fu attribuito il Nobel “per i suoi studi pionieristici sullo scattering di elettroni su nuclei atomici e per le scoperte così raggiunte sulla struttura dei nucleoni”.

Tornò in seguito a occuparsi dei suoi amati rivelatori di particelle cariche e di radiazione di alta energia, partecipando attivamente alla ricerca e allo sviluppo di cristalli per la rivelazione dell’energia rilasciata dalle particelle al loro interno. Fu uno dei responsabili del telescopio EGRET, progetto della NASA, per lo studio della radiazione gamma di alta energia, lanciato a bordo del Compton Gamma Ray Observatory il 5 Aprile del 1991, solo qualche mese dopo la scomparsa di Robert Hofstadter nel Novembre 1990. EGRET ha fornito una conoscenza approfondita del cielo nella radiazione gamma e ha svelato segreti su fenomeni affascinanti ed estremi come i gamma-ray bursts. 

robert hofstadter 1

 Il telescopio EGRET (la cupoletta più in basso) a bordo dell’osservatorio spaziale Compton.

robert hofstadter 1

La mappa del cielo a raggi gamma (per energie maggiori di 100 MeV) fornita dalle osservazioni di EGRET.

Robert Hofstadter amava molto anche l’insegnamento: era molto apprezzato dai suoi studenti per la meticolosità delle dimostrazioni e la sua chiarezza.

Nella vita privata era un amante e profondo conoscitore musica jazz, passione che condivideva con una vicina di casa, Nancy Givan, che nel 1942 divenne sua moglie. In California i coniugi Hofstadter, con i loro 3 figlioletti, avevano acquistato un ranch, dove, durante il weekend, Robert si trasformava in un instancabile agricoltore ed allevatore.

© 2002 - 2019 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

PRIVACY POLICY

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.