Rubrica biografie

Weinberg Steven - ing

scienzapertutti_steven-weinberg

 Biografia estratta da Nobel Lectures, Physics 1971-1980. 

nobelprize1979 Premio Nobel per la Fisica

(1933- vivente) I was born in 1933 in New York City to Frederick and Eva Weinberg. My early inclination toward science received encouragement from my father, and by the time I was 15 or 16 my interests had focused on theoretical physics. I received my undergraduate degree from Cornell in 1954, and then went for a year of graduate study to the Institute for Theoretical Physics in Copenhagen (now the Niels Bohr Institute). There, with the help of David Frisch and Gunnar Källén. I began to do research in physics. I then returned to the U.S. to complete my graduate studies at Princeton. My Ph.D thesis, with Sam Treiman as adviser, was on the application of renormalization theory to the effects of strong interactions in weak interaction processes. After receiving my Ph.D. in 1957, I worked at Columbia and then from 1959 to 1966 at Berkeley. My research during this period was on a wide variety of topics - high energy behavior of Feynman graphs, second-class weak interaction currents, broken symmetries, scattering theory, muon physics, etc. - topics chosen in many cases because I was trying to teach myself some area of physics. My active interest in astrophysics dates from 1961-62; I wrote some papers on the cosmic population of neutrinos and then began to write a book, Gravitation and Cosmology, which was eventually completed in 1971.

Late in 1965 I began my work on current algebra and the application to the strong interactions of the idea of spontaneous symmetry breaking. From 1966 to 1969, on leave from Berkeley, I was Loeb Lecturer at Harvard and then visiting professor at M.I.T. In 1969 I accepted a professorship in the Physics Department at M.I.T., then chaired by Viki Weisskopf. It was while I was a visitor to M.I.T. in 1967 that my work on broken symmetries, current algebra, and renormalization theory turned in the direction of the unification of weak and electromagnetic interactions. In 1973, when Julian Schwinger left Harvard, I was offered and accepted his chair there as Higgins Professor of Physics, together with an appointment as Senior Scientist at the Smithsonian Astrophysical Observatory. My work during the 1970's has been mainly concerned with the implications of the unified theory of weak and electromagnetic interactions, with the development of the related theory of strong interactions known as quantum chromodynamics, and with steps toward the unification of all interactions.

In 1982 I moved to the physics and astronomy departments of the University of Texas at Austin, as Josey Regental Professor of Science. I met my wife Louise when we were undergraduates at Cornell, and we were married in 1954. She is now a professor of law. Our daughter Elizabeth was born in Berkeley in 1963.

Awards and Honors

Honorary Doctor of Science degrees, University of Chicago, Knox College, City University of New York, University of Rochester, Yale University

American Academy of Arts and Sciences, elected 1968

National Academy of Sciences, elected 1972

J. R. Oppenheimer Prize, 1973

Richtmeyer Lecturer of Am. Ass'n. of Physics Teachers, 1974

Scott Lecturer, Cavendish Laboratory, 1975

Dannie Heineman Prize for Mathematical Physics, 1977

Silliman Lecturer, Yale University, 1977

Am. Inst. of Physics-U.S. Steel Foundation Science Writing Award, 1977,

for authorship of The First Three Minutes (1977)

Lauritsen Lecturer, Cal. Tech., 1979 Bethe Lecturer, Cornell Univ., 1979

Elliott Cresson Medal (Franklin Institute), 1979

Nobel Prize in Physics, 1979

Awards and Honors since 1979

Honorary Doctoral degrees,

Clark University, City University of New York,

Dartmouth College,

Weizmann Institute,

Clark University,

Washington College,

Columbia University Elected to American Philosophical Society, Royal Society of London (Foreign Honorary Member),

Philosophical Society of Texas Henry Lecturer, Princeton University, 1981 Cherwell-Simon Lecturer, University of Oxford,

1983 Bampton Lecturer, Columbia University,

1983 Einstein Lecturer, Israel Academy of Arts & Sciences, 1984

McDermott Lecturer, University of Dallas, 1985

Hilldale Lecturer, University of Wisconsin, 1985

Clark Lecturer, University of Texas at Dallas, 1986

Brickweede Lecturer, Johns Hopkins University, 1986

Dirac Lecturer, University of Cambridge, 1986

Klein Lecturer, University of Stockholm, 1989

James Madison Medal of Princeton University, 1991

National Medal of Science, 1991

 

Tags: ,

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.