Rubrica biografie

Celsius Anders

Minibiografia a cura di Franco Luigi Fabbri

scienzapertutti_Celsius

Nato nel gennaio 1701 a Uppsala, Andres Celsius ad appena 29 anni divenne professore di astronomia nella città. Sotto la sua direzione venne costruito il primo e più importante osservatorio astronomico svedese. Nel 1732 viaggiò in tutta Europa per visitare i più importanti osservatori astronomici a Norimberga, Roma, Parigi. Nel corso della sua carriera di astronomo catalogò ben 300 stelle. Ad Andres Celsius si deve la risoluzione della disputa, in quegli anni molto vivace, sulla forma della Terra. Celsius venne inviato il Lapponia con il compito di verificare se la teoria di Newton icona_biografia dello schiacciamento della terra ai poli fosse esatta. Nel corso del suo viaggio Celsius confermò la teoria di Newton, e - con il suo assistente Olof Hiorter - studiò il campo magnetico terrestre e le aurore polari icona_esperto delle quali pubblicò una raccolta di 316 osservazioni. E’ stato Anders Celsius a proporre la scala delle temperature che siamo abituati ad utilizzare.

Egli infatti pubblicò nel 1742 una famoso lavoro dovesi propone di utilizzare una scala centigrada riferita a due punti fissi: quello che corrisponde alla temperatura della neve in fusione e quello riferito alla temperatura dell'acqua in stato di ebollizione. In quei tempi la scala dalla temperatura di fusione del ghiaccio fino alla temperatura d’ebollizione dell’acqua, era divisa in ottanta parti, come aveva suggerito il francese Réaumur (1683-1757) icona_minibiografia, oppure in 180 parti, come aveva suggerito l’inglese Fahrenheit (1686-1736) icona_biografia. In realtà la scala proposta da Celsius era rovesciata rispetto a quella che noi utilizziamo. Solo alcuni anni dopo la morte di Celsius, avvenuta nel 1744, i fabbricanti di termometri decisero di rovesciare la scala proposta da Celsius mettendo, come è oggi, lo zero alla temperatura di fusione del ghiaccio e il grado 100 alla temperatura di ebollizione dell’acqua.

Così modificata la scala della temperatura in gradi Celsius si diffuse in tutto il mondo, eccetto che in Inghilterra e, più tardi, negli Stati uniti, che fino ad oggi sono rimasti fedeli alla scala dei gradi Fahrenheit . Nell’uso comune per indicare la temperatura espressa nella scala Celsius, siusa il termine gradi centigradi. Il termine centigradi indica che nella scala considerata ci sono 100 gradi tra ll punto di"fusione del ghiaccio" e lo punto "vaporizzazione dell'acqua". In realtà questa è una caratteristica anche della scala di temperature assoluta introdotta successivamente da Kelvin icona_biografia. Nella prima scala i valori sono 0 e 100, nella seconda 273 e 373, ma in entrambi i casi l’intervallo è di cento dunque entrambe le scale sono centigrade. All’inizio del 2000 la Comunità Europea ha emanato una legge secondo la quale nei paesi dell’Unione, non può essere più utilizzata la dizionegradi ”centigradi”, ma deve essere sempre utilizzata quella di “gradi Celsius”. Celsius nella sua breve intensa vita --- morì di tisi a 42 anni --- oltre alla sua opera di astronomo e alle sue numerose ricerche in vari campi della fisica, scrisse poesie, romanzi di divulgazione scientifica e persino un romanzo di fantascienza ambientato sulla stella Sirio.

Tags:

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.