Rubrica biografie

de Broglie Prince Louis-Victor

scienzapertutti_de_broglie

Biografia estratta da Nobel Lectures, Physics 1922-1941.

nobelprize1929 Premio Nobel per la Fisica

Prince Louis-Victor de Broglie of the French Academy, Permanent Secretary of the Academy of Sciences, and Professor at the Faculty of Sciences at Paris University, was born at Dieppe (Seine Inférieure) on 15th August, 1892, the son of Victor, Duc de Broglie and Pauline d'Armaillé. After studying at the Lycée Janson of Sailly, he passed his school-leaving certificate in 1909. He applied himself first to literary studies and took his degree in history in 1910. Then, as his liking for science prevailed, he studied for a science degree, which he gained in 1913. He was then conscripted for military service and posted to the wireless section of the army, where he remained for the whole of the war of 1914-1918. During this period he was stationed at the Eiffel Tower, where he devoted his spare time to the study of technical problems.

At the end of the war Louis de Broglie resumed his studies of general physics. While taking an interest in the experimental work carried out by his elder brother, Maurice, and co-workers, he specialized in theoretical physics and, in particular, in the study of problems involving quanta. In 1924 at the Faculty of Sciences at Paris University he delivered a thesis Recherches sur la Théorie des Quanta (Researches on the quantum theory), which gained him his doctor's degree. This thesis contained a series of important findings which he had obtained in the course of about two years. The ideas set out in that work, which first gave rise to astonishment owing to their novelty, were subsequently fully confirmed by the discovery of electron diffraction by crystals in 1927 by Davisson and Germer; they served as the basis for developing the general theory nowadays known by the name of wave mechanics, a theory which has utterly transformed our knowledge of physical phenomena on the atomic scale. After the maintaining of his thesis and while continuing to publish original work on the new mechanics, Louis de Broglie took up teaching duties. On completion of two year's free lectures at the Sorbonne he was appointed to teach theoretical physics at the Institut Henri Poincaré which had just been built in Paris.

The purpose of that Institute is to teach and develop mathematical and theoretical physics. The incumbent of the chair of theoretical physics at the Faculty of Sciences at the University of Paris since 1932, Louis de Broglie runs a course on a different subject each year at the Institut Henri Poincaré, and several of these courses have been published. Many French and foreign students have come to work with him and a great deal of doctorate theses have been prepared under his guidance. Between 1930 and 1950, Louis de Broglie's work has been chiefly devoted to the study of the various extensions of wave mechanics: Dirac's electron theory, the new theory of light, the general theory of spin particles, applications of wave mechanics to nuclear physics, etc. He has published numerous notes and several papers on this subject, and is the author of more than twenty-five books on the fields of his particular interests. Since 1951, together with young colleagues, Louis de Broglie has resumed the study of an attempt which he made in 1927 under the name of the theory of the double solution to give a causal interpretation to wave mechanics in the classical terms of space and time, an attempt which he had then abandoned in the face of the almost universal adherence of physicists to the purely probabilistic interpretation of Born, Bohr, and Heisenberg. Back again in this his former field of research, he has obtained a certain number of new and encouraging results which he has published in notes to Comptes Rendus de l'Académie des Sciences and in various expositions. After crowning Louis de Broglie's work on two occasions, the Academie des Sciences awarded him in 1929 the Henri Poincaré medal (awarded for the first time), then in 1932, the Albert I of Monaco prize.

In 1929 the Swedish Academy of Sciences conferred on him the Nobel Prize for Physics "for his discovery of the wave nature of electrons".

In 1952 the first Kalinga Prize was awarded to him by UNESCO for his efforts to explain aspects of modern physics to the layman. In 1956 he received the gold medal of the French National Scientific Research Centre. He has made major contributions to the fostering of international scientific co-operation. Elected a member of the Academy of Sciences of the French Institute in 1933, Louis de Broglie has been its Permanent Secretary for the mathematical sciences since 1942.

He has been a member of the Bureau des Longitudes since 1944.

He holds the Grand Cross of the Légion d'Honneur and is an Officer of the Order of Leopold of Belgium. He is an honorary doctor of the Universities of Warsaw, Bucharest, Athens, Lausanne, Quebec, and Brussels, and a member of eighteen foreign academies in Europe, India, and the U.S.A. Professor de Broglie's most important publications are: Recherches sur la théorie des quanta (Researches on the quantum theory), Thesis Paris, 1924.

Ondes et mouvements (Waves and motions), Gauthier-Villars, Paris, 1926. Rapport au 5e Conseil de Physique Solvay, Brussels, 1927.

La mécanique ondulatoire (Wave mechanics), Gauthier-Villars, Paris, 1928.

Une tentative d'interprétation causale et non linéaire de la mécanique ondulatoire: la théorie de la double solution, Gauthier-Villars, Paris, 1956. English translation: Non-linear Wave Mechanics: A Causal Interpretation, Elsevier, Amsterdam, 1960. Introduction à la nouvelle théorie des particules de M. Jean-Pierre Vigier et de ses collaborateurs, Gauthier-Villars, Paris, 1961.

English translation: Introduction to the Vigier Theory of elementary particles, Elsevier, Amsterdam, 1963. Étude critique des bases de l'interprétation actuelle de la mécanique ondulatoire, Gauthier-Villars, Paris, 1963.

English translation: The Current Interpretation of Wave Mechanics: A Critical Study, Elsevier, Amsterdam, 1964. Louis de Broglie died on March 19, 1987.


Tags:

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.