Rubrica biografie

Cronin James - ing

scienzapertutti_james_cronin

 Biografia estratta da Nobel Lectures, Physics 1971-1980. 

nobelprize1980 Premio Nobel per la Fisica

(1931- vivente) I was born on September 29, 1931 in Chicago, Illinois, while my father, James Farley Cronin, was a graduate student at the University of Chicago. He was a student of classical languages. My mother, Dorothy Watson, had met my father in a Greek class at Northwestern University. After a brief stay at a small school in Alabama, my father became Professor of Latin and Greek at Southern Methodist University in Dallas, Texas, in September 1939. My primary and secondary education was provided by the Highland Park Public School System.

I received my undergraduate degree from Southern Methodist University with a major in physics and mathematics in 1951. In high school my natural interest in science was encouraged by an excellent physics teacher, Mr. Charles H. Marshall. He stressed analytical methods as applied to simple physical systems as well as practical experimental problems. My real education began when I entered the University of Chicago in September 1951 as a graduate student. I was fortunate to have among my classroom teachers, Enrico Fermi, Maria Mayer, Edward Teller, Gregor Wentzel, Val Telegdi, Marvin Goldberger and Murray Gell-Mann. I did a thesis in experimental nuclear physics under the direction of Samuel K. Allison. While at Chicago my interest in the new field of particle physics was stimulated by a course given by Gell- Mann, who was developing his ideas about Strangeness at the time. It was also at the University of Chicago that I met my future wife, Annette Martin, in the summer of 1953.

It was a wonderful, happy summer; I had passed my Ph.D. qualifying exams the previous winter, and I realized that I had met my lifetime companion. We were married in September 1954. The stable point in my life became our home. On even the worst days, when nothing was working at the lab, I knew that at home I would find warmth, peace, companionship, and encouragement. As a consequence, the next day would surely be better. Annette, with great patience and good spirit, tolerated my many long absences when experiments were carried out at distant laboratories. After receiving my Ph.D. in 1955 I had the opportunity to join the group of Rodney Cool and Oreste Piccioni who were working at the Brookhaven Cosmotron, a newly completed 3 GeV accelerator.

That period was an exciting time in physics. The famous tau-teta puzzle led to the prediction of parity violation and the experimental demonstration of its violation. The long-lived K meson was discovered at Brookhaven. When the violation of parity was discovered I began a series of electronic experiments to investigate parity violation in hyperon decays. In early 1958 the Cosmotron suffered a severe magnet failure. As a consequence, we moved our experiment to the Berkeley Bevatron. Here I had the good fortune to meet William Wenzel and Bruce Cork. These physicists had a great influence on me. From their example I learned not to be intimidated by complex pieces of apparatus. While at Brookhaven I met Val Fitch who was responsible for my coming to Princeton University in the fall of 1958. At Princeton all the work in particle physics was supported through a contract with the Office of Naval Research.

The Director of the Laboratory, George Reynolds, was most supportive of my efforts to work independently. There followed for ten years a glorious time for research. I was much involved in the development of the spark chamber as a practical research tool. During this period, with a series of excellent students, we further studied hyperon decays.

Then we joined with Val Fitch to study neutral K meson decays which led to the discovery of CP violation. Following the discovery in the summer of 1964, I spent a year in France working at the Centre d'Etudes Nucleaires at Saclay with Rene Turlay. In addition to the research, I enjoyed learning French and assimilating the culture of another country. One of the greatest joys in my life was giving a lecture in French at the College de France. On returning to Princeton in 1965, I began with students a series of experiments to study the neutral CP violating decay modes of the long lived neutral K meson.

These experiments lasted until 1971. In 1971 I returned to the University of Chicago as Professor of Physics. The fact that the new Fermilab 400 GeV Accelerator was being built near Chicago made this move an attractive one. At Fermilab, with younger associates and students, I carried out experiments on the production of particles at high transverse momentum, and on the production of direct leptons. At present with my colleague at Chicago, Bruce Winstein, I am preparing to study with much greater accuracy some of the CP violating parameters of the neutral K meson. I now live in Chicago near the campus with my wife Annette, and son Daniel.

My oldest daughter Cathryn lives and works in New York City. My daughter Emily attends the University of Minnesota. My mother remained in Dallas, Texas, after the death of my father in 1959. For recreation we have a cabin in the woods in Wisconsin which we visit year-round. In the summer we spend some time in Aspen, Colorado.

Our whole family assembles in Chicago at Christmas and usually in Aspen in the summer.

Education B.S., Southern Methodist University, 1951

M.S., University of Chicago, 1953

Ph.D., (Physics) University of Chicago, 1955

Career

National Science Foundation Fellow, 1952-1955

Assistant Physicist, Brookhaven National Laboratory, 1955-1958

Assistant Professor of Physics, Princeton University, 1958-1962

Associate Professor of Physics, Princeton University, 1962-1964

Professor of Physics, Princeton University, 1964-1971 University

Professor of Physics, University of Chicago, 1971- Member American Academy of Arts and Sciences American Physical Society National Academy of SciencesRecipient Research Corporation Award,

1968 John Price Wetherill Medal of the Franklin Institute,

1975 Ernest O. Lawrence Award, 1977

Tags:

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.