Rubrica biografie

Taylor Jr. Joseph H. - inglese

scienzapertutti_taylor

 Biografia estratta da Nobel Lectures, Physics 1993. 

nobelprize1993 Premio Nobel per la Fisica

(1941- vivente) I was born on March 29, 1941, in Philadelphia, Pennsylvania, the second son of Joseph Hooton Taylor and Sylvia Evans Taylor. When I was seven we moved back to the family farm in Cinnaminson Township, New Jersey, then operated by my paternal grandfather. We were three children, joined later by three more, plus two Evans cousins; like the farm's peaches and tomatoes, the eight of us grew and ripened in a healthy and carefree environment on the eastern bank of the Delaware River. Among my fondest boyhood memories are collecting stone arrowheads left on that land by its much-earlier inhabitants, and erecting, together with my brother Hal, numerous large, rotating, ham-radio antennas, high above the roof of the three-story Victorian farmhouse. With one such project we managed to shear off the brick chimney, flush with the roof, much to the consternation of our parents.

That incident was one of many practical lessons of my youth, not all absorbed in the most timely fashion, involving ill-advised shortcuts toward some goal. Both the Evans and Taylor families have deep Quaker roots going back to the days of William Penn and his Philadelphia experiment. My parents were living examples of frugal Quaker simplicity, twentieth-century style; their very lives taught lessons of tolerance for human diversity and the joys of helping and caring for others. Our house was large, open, and friendly. To my knowledge it has never been (nor indeed can be) locked. In our school years, Hal and I filled most of the third floor with working ham-radio transmitters and receivers. Our rigs were mostly built from a mixture of post-war surplus equipment and junk television sets. We learned by experience that when you need high voltage, the power company's 6,000-to-120-volt transformers work admirably in reverse; and that most amplifiers will oscillate, especially if you don't want them to. I was educated mostly at Quaker institutions, in particular Moorestown Friends School and Haverford College.

In school, mathematics was my first academic love. Somewhat backward high-school introductions to chemistry and physics (I failed to recognize them as such at the time) did not dampen any enthusiasm for science, they just gave me more time for sports, then a greater passion. Soccer, basketball, baseball, golf, and tennis claimed much of my energy through the Haverford years. Concurrently, though, I began discovering the delights of what science is really about. A fascinating senior honors project in physics allowed me to combine a working knowledge of radio-frequency electronics with an awakening appreciation of scientific inquiry, and to build a working radio telescope. My principal references were an old friend, The Radio Amateur's Handbook, and an early book on radio astronomy by Pawsey and Bracewell.

This thoroughly enjoyable honors project cannot really qualify as research - everything I accomplished had been done by others, years before - but it provided excellent lessons in problem-solving of various kinds. It also delivered a valid reason for selecting something I had been hoping to find: a desirable field of physics in which to pursue graduate studies. My academic work in the Harvard departments of Astronomy, Physics, and Applied Mathematics was the hardest I ever remember working, at least during my first year there. I suppose every beginning graduate student feels that he or she has something to prove; anyway, I certainly did. But my thesis research in radio astronomy was, once again, thoroughly enjoyable. My mentor, Alan Maxwell, knew the field and its participants well.

He gave me plenty of flexibility, provided inroads and introductions when I needed them, and taught me (among many other things) the importance of clear, well-crafted writing in a scientific paper. Ron Bracewell again played an unwitting role; his 1965 book The Fourier Transform and its Applications came out just in time to give me some crucial insights necessary for analyzing the data for my thesis. It also prepared me for understanding the signalprocessing techniques that later became important in my study of pulsars. I have noticed in recent years that many budding scientists worry much more than I ever did about what the future may bring: how to get into the best university, work with the biggest names, find the best post-doctoral fellowship, and secure the ideal university position.

My own psychological bent, insofar as it has influenced any professional decisions, is to pursue a path promising enjoyment along the way, without looking too far ahead. Perhaps related to my Quaker upbringing, I've always valued personal involvement in a difficult task over appeals to eminence or authority; I like the challenge of re-examining a problem from fresh perspectives. Ultimately, I believe that in important matters we are mostly self-taught, but in a way that is strongly reinforced by cooperative human relationships.

I have worked in two extremely stimulating intellectual environments, first at the University of Massachusetts and more recently at Princeton. I'm fortunate to have associated with some uniquely gifted individuals who have been especially compatible co-seekers of diverse truths and pleasures: among them Dick Manchester, Russell Hulse, Peter McCulloch, Joel Weisberg, Thibault Damour, Dan Stinebring, students too numerous to name, and especially my dearly beloved wife, Marietta Bisson Taylor. From Les Prix Nobel 1993.

Tags:

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.