Rubrica biografie

Parisi Giorgio

ScienzaperTutti_Parisi

Biografia a cura di Elisabetta Durante

 

Giorgio Parisi icona_minibiografia è stato chiamato a far parte della National Academy of Sciences icona_linkesterno, terzo fisico italiano a fare il suo ingresso nella prestigiosa istituzione statunitense, che già comprende la biologa Rita Levi Montalcini e i fisici Nicola Cabibbo e Carlo Rubbia icona_biografia .
Parisi è un fisico animato da una grande ricchezza di interessi, che lo ha portato ad occuparsi di fisica delle particelle e di fisica della materia, come anche di grandi glaciazioni e di sistema immunitario.
Ma Parisi è anche un filosofo della scienza, come quando scrive: "Un cambiamento di prospettiva in una disciplina ha spesso delle motivazioni e delle implicazioni che vanno al di là dello stretto ambito scientifico e che possono essere di interesse generale. Negli ultimi venti anni una parte della fisica ha subito un cambiamento di questo tipo. I fenomeni che tradizionalmente venivano studiati erano solo quelli riproducibili, ovvero quelli che si potevano effettuare in laboratorio e ripetere varie volte con gli stessi risultati. Negli anni settanta un gruppo di fisici comincia a cambiare atteggiamento, e a interessarsi di fenomeni in cui non è possibile fare previsioni certe, ma solo indicare delle probabilità, (...) e parole come caotico, irregolare, impredicibile, che nel passato avevano un significato negativo, acquistano ora un significato positivo". Così Parisi introduce un concetto che negli ultimi anni ha acquistato grande importanza: quello di "sistema disordinato", un concetto che è al centro dei suoi interessi e costituisce la chiave comune di molti suoi studi e ricerche. Oggi i modelli fisico-matematici che descrivono il caos e la complessità, grazie anche alla disponibilità di sempre più potenti risorse di calcolo, entrano pesantemente in settori come la meteorologia, la biologia, l'economia, la finanza. Parisi spiega che l’aver raggiunto la conoscenza di molti fenomeni non significa averne compreso il comportamento: ad esempio, si ha un'idea abbastanza precisa di cosa sia un neurone, di come esso risponda ai segnali, come sia connesso agli altri neuroni del cervello. Pur conoscendone i componenti, non possiamo però dire di sapere come funzioni il cervello nel suo insieme, soprattutto se si tratta del cervello complesso di un mammifero. Insomma, la conoscenza dei costituenti può bastare a capire il funzionamento di un sistema semplice, ma non quello di un sistema complesso, che Parisi definisce come un sistema che ha comportamenti dalle molte variabili. “Nel nostro centro di ricerca SMC – spiega Parisi – studiamo la fisica dei sistemi complessi: quella, ad esempio, che riguarda i moti di turbolenza dell'atmosfera e dei fluidi, il funzionamento del cervello, la struttura dei frattali ecc. Ma per arrivare a capire questi fenomeni, non possiamo che ricercare la semplicità nella complessità. Mi spiego meglio: quello che ricerchiamo è il dato comune, unificante tra le moltissime variabili, perché è nella regolarità che risiede la chiave per aprire il sistema, la possibiltà cioè di effettuare una misura e di comprendere il funzionamento.”
Questi studi , secondo Parisi, condurranno a risultati interessanti in settori diversi come la computer science, l'econofisica icona_glossario , la sismologia (anche quello dei terremoti è un sistema complesso), l'ambiente ecc. Ma i risultati più importanti si attendono nel settore della biologia, e in particolare nell'analisi dei processi cognitivi e dei meccanismi della memoria. Non a caso molti dei progressi compiuti nell'ultimo ventennio nel campo delle reti neurali viene dalla fisica dei sistemi disordinati.

 

copyright-sxt

Tags:

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.