Un libro al mese

La rinascita del tempo

di Lee Smolin

Einaudi


 

Il mistero del tempo resta uno dei grandi problemi irrisolti della fisica. La contraddizione stridente tra cocci che non si ricompongono, frittate che non tornano ad essere uova e l'invarianza delle equazioni fondamentali rispetto al parametro t è l'evidente prova, se ce ne fosse stato bisogno, che qualcosa di profondo manca ancora alla nostra comprensione dell'Universo, con tanti saluti alle Teorie del Tutto che con gran clamore venivano annunciate come cosa quasi fatta. Newton parlò del «... tempo assoluto, vero, matematico, in sé e per sua natura senza relazione ad alcunché di esterno...»; l'evoluzione della meccanica classica ne ha cambiato poi il ruolo ed il tempo è diventato il parametro matematico che descrive la traiettoria che la rappresentazione matematica di un sistema fisico percorre nello spazio delle configurazioni, statico e senza tempo: condizioni iniziali e equazioni del moto predeterminano completamente il futuro, che di fatto non esiste, è già scritto nelle formule. Questa concezione del tempo, resa celebre da Laplace, non si modifica neanche con la rivoluzione einsteniana che pure riporta il tempo nell'Universo fisico, “spazializzandolo” e rendendolo, con le sue peculiarità, la quarta dimensione dell'universo blocco, lo spazio-tempo della Relatività in cui gli eventi tutti coesistono e la differenza tra passato e futuro sfuma; nessuno meglio dello stesso Einstein poteva renderlo meglio quando scrisse, nella toccante lettera alla moglie del suo defunto amico Michele Blesso, «Michele è partito da questo strano mondo, un poco prima di me. Questo non significa nulla. Le persone come noi, che credono nella fisica, sanno che la distanza fra passato, presente e futuro non è altro che una persistente cocciuta illusione». Il libro di Smolin, versione divulgativa di un testo più impegnativo scritto a quattro mani con il filosofo brasiliano Roberto Mangaibeira Unger, si pone l'ambizioso obiettivo di rifondare la cosmologia scientifica, partendo dal ridare al tempo una realtà ontologica primaria. Nel percorso che porta verso alcune proposte speculative, Smolin analizza con grande acutezza i limiti dell'attuale approccio alla cosmologia, basato sull'estensione all'Universo intero delle nostre principali teorie: Teoria dei Quanti e Relatività Generale. Nel far ciò introduce una definizione illuminante: “ la fisica in una scatola”. Con questa espressione Smolin si riferisce a tutta la fisica che conosciamo e che si applica ad astrazioni come i sistemi isolati, che isolati non possono essere perché la gravità è universale, come i sistemi quantistici isolati, quando sappiamo che dopo un'interazione i sistemi diventano inseparabili, ed, in generale, a sistemi a cui si applicano condizioni iniziali che non sono e non possono essere parte del sistema descritto e che quindi presuppongono un “ fuori” ed un osservatore esterno. Questa fisica non può essere semplicemente applicata all'Universo nella sua interezza, le cui condizioni iniziali dovrebbero essere imposte da un qualcosa di esterno all'Universo stesso, il che non torna se per Universo intendiamo davvero tutto e non un altro sottosistema di un insieme più grande. Da cui l'affermazione ben argomentata che i limiti delle nostre migliori teorie (Modello standard e Relatività generale) derivano dal loro essere solo teorie approssimate, affermazione peraltro neanche sconvolgente, dato che le due teorie sono incompatibili.Ma benché si tratti di cosa nota, almeno ai fisici, la critica all'estensione di queste teorie all'intero universo è acuta e convincente. Così come è convincente la critica a una certa moltiplicazione di universi, causalmente scollegati, con cui la fisica sfuma nell'esoterismo o nella religione. Poiché distruggere è più facile che costruire, dopo l'eccellente critica dell'esistente, la parte relativa alle proposte è dichiaratamente più speculativa. Smolin affronta la parte propositiva avanzando ipotesi su quello che potrebbe essere il punto di partenza di un nuovo programma cosmologico, nel quale il tempo ed il cambiamento, fino all'evoluzione delle stesse leggi che regolano l'universo, assumono il ruolo di protagonisti. Benché non sempre convincenti, il che non sorprende trattandosi appunto di proposte anche molto innovative di un programma appena iniziato, non si può non apprezzare il fatto che Smolin ribadisca una volta di più, come già fatto nei suoi libri precedenti, che sta facendo scienza e quindi ogni idea è corredata da una possibile misura che possa falsificarla, almeno in teoria. Cosa non da poco mentre vengono autorevolmente proposte teorie che dovrebbero essere accettate solo per la loro “ bellezza”. Non è un libro che possa dare risposte, ma uno che pone problemi e suggerisce una gran quantità di spunti di riflessione. E, più di tutto, ci ricorda che la scienza non è un qualcosa di statico, ma un'impresa umana che ripensa continuamente sè stessa alla ricerca di una maggiore chiarezza nella capacità di “spiegare” e dare un senso alla realtà che ci circonda e alla nostra vita. Leggetelo! Non ve ne pentirete!

(LUGLIO 2015: SxT-libroalmese)/Dino Esposito, Fisico 

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.