Un libro al mese

Richard Rhodes
L'INVENZIONE DELLA BOMBA ATOMICA
Rizzoli
 

Il libro che vi raccomando questo mese (che ho letto nella versione originale inglese) non è una novità di libreria, ma un classico che ripercorre i passi politici e, principalmente, scientifici che hanno portato al cambio epocale innescato dal lancio della bomba atomica su Hiroshima, il 6 agosto del 1945. Un evento che per qualcuno segna l'inizio dell'Antropocene, l'era geologica caratterizzata dal ruolo primario dell'Uomo nel modificare il pianeta. Altre storie esistono, più o meno ben fatte, sullo stesso tema, ma quello che caratterizza il libro di Rhodes è il ripercorrere non solo gli eventi pubblici, ma anche la vita privata degli scienziati che direttamente o indirettamente hanno contribuito al realizzarsi della bomba. Così incontriamo Szilard, il primo ad intuire le possibilità nascoste nel nucleo, ben prima dei primi risultati sperimentali, Rutherford, Bohr fino a Fermi e Teller, l'intero pantheon della fisica nucleare della prima metà del '900. Li vediamo combattere con risultati a volte contraddittori, con i loro pregiudizi, vediamo alcuni di loro mentre costruiscono a mano gli strumenti necessari per gli esperimenti. Li vediamo prendere delle cantonate (lo strameritato Nobel a Fermi fu dato per aver scoperto nuovi elementi radioattivi quando si trattava invece della fissione dell'Uranio) e li vediamo impegnati in calcoli frenetici, sotto la spada di Damocle (ancor oggi non è chiaro quanto reale, ma certamente molto verosimile in quei giorni bui) della bomba tedesca. E poi riviviamo l'atmosfera di Los Alamos, dove, di nuovo, i nostri personaggi sono descritti in carne e ossa, con le loro fisime, paure, invidie, depressioni, perfino le loro frustrazioni sessuali, un po' diversi dalla versione quasi disumana dello scienziato con cui la storia della fisica viene spesso narrata. Per chi non l'avesse ancora letto, una visione umanizzata del Progetto Manhattan la si può trovare anche nella godibilissima biografia di Richard Feynman (Zanichelli, Sta scherzando Mr. Feynman? del 1988). Comprendiamo anche che Bohr non aveva torto quando riteneva, all'inizio, l'impresa impossibile. C'è voluta tutta la potenza industriale degli Stati Uniti e uno sforzo immane in termini di risorse naturali, macchinari e personale per raggiungere l'obiettivo. Toccanti e dolorosi, ma necessari per capire gli aspetti “umani” degli eventi e per rimanere con i piedi per terra, per ricordare che stiamo parlando di esseri umani e di migliaia di vittime, i capitoli che descrivono la devastazione di Dresda e il dopobomba di Hiroshima. Si innescano qui le riflessioni morali che il libro sfiora solamente. Così come resta inappagata la mia curiosità sull'opportunità o meno di lanciare le due bombe, specialmente la seconda, quella su Nagasaki. Nel rimandarvi ad un altro bel libro (Paolo Agnoli Hiroshima e il nostro senso morale. Analisi di una decisione drammatica di cui parleremo più a lungo prossimamente) per una disamina molto accurata di questi aspetti, resta mia opinione che la seconda bomba più che rappresentare la fine della Seconda Guerra Mondiale, abbia invece rappresentato l'inizio “caldo” della Guerra Fredda; una sorta di piccolo “Big Bang”

(novembre 2015: SxT-libroalmese)/Dino Esposito

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.