ANTARES

 

Approfondimento a cura di Antonio Venturelli 

Astronomy with a Neutrino Telescope and Abyss environmental RESearch

I neutrini prodotti da processi nei quali sono coinvolti adroni icona_glossario ultraenegetici, per esempio nel nucleo di una galassia attiva (AGN) occupato da un buco nero con disco di accrescimento, arrivano sulla Terra, la attraversano, interagiscono con la materia dando origine a muoni. La luce Cherenkov icona_glossario prodotta dai muoni, provenienti dal basso rispetto al rivelatore e che si muovono all’interno della Terra lungo la stessa traiettoria dei neutrini che li hanno generati, viene captata dai fotomoltiplicatori che occupano il volume di un chilometro cubo. L’apparato sarà disposto sul fondale del Mediterraneo a 40 chilometri da Tolone, ideale per l’assenza di correnti, l’estrema limpidità e trasparenza dell’acqua, lo scarso disturbo della bioluminescenza. Antares, che sarà installato alla latitudine di 43° Nord e alla profondità di 2500 metri, potrà osservare la porzione di cielo australe compresa all’interno della linea rossa della figura in basso a sinistra che rappresenta le sorgenti registrate nel 3° catalogo d' Egret.

ScienzaPerTutti_antares

L'esperimento Antares

Il telescopio funzionerà di giorno e di notte anche in presenza della Luna piena, in quanto i neutrini non temono il buio, ma neppure la…luce.

copyright-sxt

© 2002 - 2021 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

PRIVACY POLICY