15 settembre 2017

materia oscura2

La materia oscura, a differenza della materia ordinaria, non emette radiazione elettromagnetica in nessuna banda di frequenza: né nel visibile, né nell'infrarosso, né nell'ultravioletto, né nelle radiofrequenze, né nelle microonde, ...

Se non emette luce non possiamo "vederla" coi nostri strumenti di misura, ma allora come facciamo a sapere che esiste e compone circa il 26% del nostro Universo?


a) a causa della rotazione anomala delle galassie;
b) a causa dell'espansione accelerata dell'Universo;
c) entrambe le risposte precedenti sono esatte;
d) la produciamo negli acceleratori di particelle.


Motivare la risposta.

La risposta corretta è la a) infatti osservando la rotazione delle galassie si nota che, considerando l’attrazione gravitazionale di tutte le stelle, pianeti e gas che formano le stesse galassie, questa non è sufficiente per contrastare la loro velocità di rotazione. Tutti gli oggetti sarebbero dovuti volar via allontanandosi tra loro. Si ipotizza quindi l’esistenza di ulteriore materia, almeno qualche centinaio di volte più abbondante di quella visibile dal telescopio, che tiene insieme le strutture cosmiche. La risposta b) si riferisce all’ipotesi dell’Energia Oscura mentre, per la d), ancora non vi è evidenza di produzione di materia oscura con gli acceleratori di particelle.

I più veloci a rispondere correttamente sono stati Giovanni da Firenze e Gianluca da Potenza

 


© 2002 - 2021 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

PRIVACY POLICY