Tutte le risposte

0301. Qual è la differenza tra traiettoria e linee di flusso?

espertomini

Trovo difficoltà a capire qual è la differenza tra traiettoria e linee di flusso. Perché sono differenti nel moto vario, mentre sono uguali nel moto permanente? (Raffaella Errico) (2127)

 

sem_esperto_rossoNel caso del moto di una particella, una linea di flusso è definita come una linea in cui per ogni suo punto la velocità della particella, che vi transita, è tangente ad essa e la densità delle linee di flusso misura l’intensità della velocità. Tuttavia per una particella isolata la velocità in un dato punto dello spazio dipenderà, oltre che dalle forze a cui è sottoposta, da dove e con che velocità la particella ha iniziato il suo moto e di conseguenza, in generale, non si potranno definire linee di flusso. Viceversa si potranno naturalmente definire delle linee di flusso per un insieme di particelle interagenti, che si muovono tutte insieme, ovvero un fluido, sottoposte a forze al contorno e di volume, che non variano con il tempo. In questo senso la domanda si colloca nello studio della dinamica dei fluidi. La stazionarietà delle forze è necessaria, ma non sufficiente. In particolare occorre che il fluido sia incomprimibile, ovvero con densità costante, altrimenti si possono generare onde,per cui la velocità in un punto dipende dallo stato di propagazione dell’onda e il moto può addirittura divenire caotico icona_esperto[234]. Per un fluido incomprimibile e non viscoso la velocità in ogni punto, e quindi la corrispondente linea di flusso, può essere ricavata sulla base della conservazione dell’energia secondo il teorema di Bernoulli icona_minibiografia (dove ρ è la densità, F(x,y,z) il potenziale icona_glossario delle forze di volume e p la pressione dovuta alle forze esterne):

1/2 ρ v2 +rF(x,y,z)+p = costante.

Questa equazione (detta Teorema di Bernoulli) governa il flusso nel caso suddetto di fluido incomprimibile e non viscoso. Il teorema di Bernoulli si applica lungo una linea di flusso, tuttavia, se non ci sono vortici, si estende a tutto il fluido. Quando le linee di flusso si richiudono su se stesse si ha un vortice. Ad un vortice è associato un momento angolare icona_glossario e si può avere un vortice anche in un fluido privo di viscosità , ma proprio per la conservazione del momento angolare, in assenza di forze dissipative ovvero in assenza di viscosità, un vortice non può essere innescato e, per la stessa ragione, permane una volta innescato. Secondo il grande matematico John Von Neumann icona_biografia, un protagonista nello sviluppo della meccanica quantistica icona_glossario così come nello sviluppo dei moderni calcolatori, ignorare la viscosità è come studiare “l’acqua asciutta”. Con l’introduzione della viscosità, in opportune condizioni di velocità e flusso, si ha un moto laminare e si possono ancora definire le linee di flusso. La transizione ad un moto turbolento icona_esperto[250] e caotico, in cui non esistono linee di flusso, è determinata dal valore del cosidetto numero (*) di Reynolds – che prende il nome dal fisico Reynolds - introdotto come parametro empirico (dove ρ è la densità, h è il coefficiente di viscosità, v e D sono la velocità del fluido ed il diametro del tubo di flusso):

R = ρ/h vD.

Lo studio della turbolenza è considerato uno dei capitoli più difficili della fisica moderna. Horace Lamb - padre del Nobel Willis Lamb icona_biografia- uno dei fondatori della elettrodinamica icona_glossario quantistica (che era un credente e comunque già molto anziano al momento di fare questa affermazione), affermò che tutto sommato era contento di morire, almeno così avrebbe saputo la verità sui fenomeni caotici. Recentemente lo studio dei fenomeni caotici ha ricevuto un notevole impulso dovuto alla scoperta del fatto che l’introduzione di piccole non linearità, come dei piccoli termini quadratici, può già essere sufficiente a produrre fenomeni caotici. Si è scoperto poi che le stesse equazioni non lineari governano sistemi apparentemente assai diversi, come ad esempio il moto dei fluidi, i fenomeni meteorologici, il comportamento dei sistemi economici e dei sistemi sociali. Perciò ci si aspetta di capire il comportamento di questi sistemi complessi dal comportamento dei fluidi, che può più facilmente essere studiato in laboratorio.

scienzapertutti_fisica_autobus_5

Poster del progetto “Fisica in autobus” icona_linkesterno per il WYP2005 icona_wy2005 dedicato alla " Teoria della complessità”.icona_fotografie

Potremmo concludere con le parole con cui Richard Feynman icona_minibiografia  conclude il capitolo delle sue “Letture dedicato al moto caotico nei fluidi: “ Abbiamo quindi visto come la complessità delle cose possa facilmente e drammaticamente eludere la semplicità delle equazioni che le descrivono. Inconsapevole della potenzialità delle equazioni anche semplici, l’uomo ha spesso concluso che non delle pure equazioni, ma nulla di meno di un Dio è quel che ci vuole per spiegare la complessità dell’Universo”.

Rinaldo Baldini – Fisico

(*) Nota redazionale SxT

Similarmente viene definito un tensore di Reynolds: vedi in Scaffali il documento Il tetraedro di Cauchy e il tensore di Reynolds di Isidoro Peroni.


 

 
Tags:

Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2020 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

PRIVACY POLICY

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.