Pensare con l'analisi dimensionale

5. La gravità quantistica

percorso di Luca Vecchi

 

In Meccanica Quantistica si determina la probabilità che un evento possa accadere. Vogliamo applicare questa visione alla Relatività Generale di Einstein e vedere cosa succede.

Per essere concreti assumiamo di far collidere due particelle puntiformi con un'energia E grandissima, così da poter trascurare le loro masse, e chiediamoci qual è la probabilità che avvenga un urto mediato dalla forza di gravità. La costante di interazione che governa il processo è la costante di Newton \(G_N\). Gli unici altri parametri che possono giocare un ruolo sono E, la velocità della luce e la costante di Planck. La velocità della luce è naturale introdurla perché stiamo studiando la dinamica di particelle con velocità molto alte e quindi dobbiamo rispettare le leggi della Relatività. La presenza della costante di Planck è anch'essa intuibile. Infatti il problema che ci stiamo ponendo, cioè il calcolo della probabilità di una collisione, è intrinsecamente quantistico. È logico immaginare che \(\hbar\) debba giocare un ruolo cruciale, ed esiste anche un argomento immediato per verificarlo: senza \(\hbar\) non è possibile costruire nessuna combinazione di \(G_N\), E, c che sia adimensionale come una probabilità! Se non ci fosse \(\hbar\) non potremmo nemmeno iniziare a parlare della probabilità che avvenga la collisione delle nostre due particelle puntiformi. L'unico parametro adimensionale del problema in effetti è

\(\alpha_{grav}(E)=\frac{G_NE^2}{\hbar c^5}.\)

È \(\alpha_{grav}\) la combinazione che ci aspettiamo controlli la probabilità della collisione tra particelle nella teoria di Einstein (si veda il riquadro per dettagli).

Max Planck and Albert EinsteinMax Planck e Alfred Einstein. L'unione della Meccanica Quantistica e della Relatività Generale presenta a tutt'oggi numerosi quesiti irrisolti, come è illustrato nella presente sezione studiando la probabilità di un urto gravitazionale ad altissime energie.

Notate che la probabilità a cui ci stiamo riferendo è un'entità quantistica di un processo gravitazionale. Al contrario di ciò che qualcuno potrebbe erroneamente pensare, essa non comporta nessun problema di principio. Fintanto che le energie coinvolte sono sufficientemente basse, \(\alpha_{grav}(E)\) rimane piccolo e la teoria della Relatività di Einstein è perfettamente compatibile con la Meccanica Quantistica. I problemi nascono solo quando l'energia cresce e \(\alpha_{grav}(E)\) diventa grande rispetto ad uno. In tale regime la probabilità del processo eccede uno, il che è chiaramente inaccettabile... Di conseguenza, la teoria di Einstein non è in grado di dirci cosa succede ad alte energie e va sicuramente modificata! Ma come? Forse entrano in gioco nuove interazioni, nuove particelle? Chissà.

 

Un calcolo esplicito mostra che la probabilità \({\cal P}\) della collisione tra due particelle puntiformi nella teoria di Einstein è proporzionale al quadrato del nostro parametro adimensionale:

\({\cal P}=a_8(\theta)~\alpha_{grav}^2,\)

con \(a_8(\theta)\) una funzione positiva dell'angolo tra gli stati iniziali e finali. Notate che un altro modo di scrivere il nostro parametro adimensionale è

\(\alpha_{grav}(E)=\frac{E^2}{E_{Planck}^2},\)

dove abbiamo introdotto l'energia di Planck (circa 1019 volte l'energia del protone a riposo), vedi anche risposta 223 della Rubrica Esperto, definita come

\(E_{Planck}=\sqrt{\hbar c^5/G_N}.\)

La questione che si pone nella gravità quantistica è in un certo modo analoga a quanto già visto nell'atomo di idrogeno. Come la regione (ipotetica) in cui la costante di struttura fine soddisfa \(\alpha_{em}=1\) identifica la separazione tra sistema non-relativistico e relativistico, cosi vediamo che \(\alpha_{grav}=1\) identifica l'inizio di un nuovo regime della fisica. Esistono però due differenze sostanziali tra l'attuale problema e quello dell'atomo di idrogeno. Il primo è che \(\alpha_{em}\) risulta essere numericamente molto piccolo rispetto ad uno, il che indica che gli effetti relativistici sono in prima approssimazione sempre trascurabili. Al contrario, \(\alpha_{grav}\) cresce indefinitamente con l'energia e perciò il nuovo regime diventa per forza importante ad energie sufficientemente alte. Il secondo è che nel caso della gravità non sappiamo affatto cosa accada nel nuovo regime e nemmeno se riusciremo mai a esplorarlo direttamente.

 

 

La teoria della gravità di Einstein combinata con la Meccanica Quantistica è caratterizzata da un nuovo parametro con le unità di misura di un'energia: l'energia di Planck. Essa rappresenta la soglia superata la quale una teoria più fondamentale della gravità deve necessariamente entrare in gioco (se siamo fortunati potrebbe farlo ad energie più basse, però). Ci sono vari modi di diverso grado di sofisticazione per comprendere che la nostra conoscenza della Natura è incompleta ad energie superiori a quella di Planck. Qui abbiamo mostrato che è possibile persino farlo con poche considerazioni di carattere dimensionale: a energie troppo alte il parametro adimensionale che controlla la forza di gravità nella teoria di Einstein, \(\alpha_{grav}\), diventa troppo grande e le predizioni di tale teoria non sono più affidabili.

 

© 2002 - 2020 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

PRIVACY POLICY

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.