La discontinuità della Natura

2. Il determinismo in Natura

percorso di Marco Capogni

 

L’opera iniziata da Galileo venne proseguita brillantemente da Newton, il quale però, pur considerando valido il metodo scientifico galileiano, riprese l’idea (già presente nel Timeo di Platone) di uno spazio e tempo assoluti che gli permise di descrivere in modo quantitativo e compiuto il fenomeno e le cause del movimento. Nello scolio dei Principia, Newton avanzò l’ipotesi dell’esistenza di uno spazio inteso come un contenitore immobile, eterno, immutabile e continuo - su cui si svolgono gli eventi naturali - e di un tempo ‘assoluto, vero, matematico’, che scorre in modo uniforme e continuo. Ciò lo condusse a formulare correttamente le tre leggi della dinamica, nelle quali incluse il principio di relatività di Galileo, e a definire la legge di gravità dell’inverso del quadrato della distanza caratterizzata dalla costante universale \(G\) (pari a \(6,67\cdot 10^{-11}~ N m^2/kg^2).\)
Newton arrivò a considerare spazio e tempo un sensorium Dei. La sua idea di uno spazio e di un tempo assoluti, che esistono in sé indipendentemente dai corpi e dalle loro relazioni, dette vita a un’accesa disputa con Gottfried Wilhelm von Leibniz (Lipsia, 1646 – Hannover, 1716), suo contemporaneo, che lo attaccò accusandolo di aver reintrodotto la metafisica nella scienza. Leibniz non solo riprese l’idea di Aristotele di spazio e tempo, ma li considerò realtà dovute a relazioni individuate dal soggetto (“ordine delle coesistenze [lo spazio], come il tempo è un ordine delle successioni”), anticipando in parte in tal modo anche il pensiero di Immanuel Kant (Kӧnigsberg, 1724 – 1804) .
Infatti il problema della natura dello spazio e del tempo fu riaffrontato da Kant in modo sistematico, su un piano prettamente filosofico, con la teoria della conoscenza esplicitata nella Critica della Ragion Pura, mediante cui egli tentò di riconciliare le due diverse posizioni di Newton e Leibniz. Per Kant lo spazio e il tempo giocano il ruolo degli “a priori” della nostra sensibilità [4]. Essi hanno un’esistenza indipendente dalla materia e dal moto (come pensava Newton) ma, pur non essendo entità ideali indipendenti dalla natura e dall’uomo (in accordo con Leibniz), non sono entità prettamente empiriche. Kant li considera “intuizioni pure” della sensibilità e quindi ”forme” della ricettività dei nostri sensi, ovvero strutture mentali innate della modalità con cui il soggetto, ordinando e catalogando i dati empirici, conosce la natura. La natura per Kant si adatta alle strutture innate del soggetto e non viceversa.
Con la sua teoria della conoscenza Kant mise in rilievo un nuovo rapporto tra soggetto e oggetto. Egli riconobbe al soggetto la centralità nel processo conoscitivo ma sempre in relazione all’oggetto, ovvero ai dati sensibili. Creò tuttavia un dualismo insanabile tra il fenomeno (oggetto di esperienza e quindi conoscibile) e il noumeno (non oggetto di esperienza e dunque inconoscibile, ma tuttavia pensabile). Questo dualismo troverà enormi sviluppi futuri in tutto il pensiero filosofico dell’Ottocento ma anche del Novecento, influenzando anche il pensiero scientifico.
Sulla base delle leggi fisiche scoperte da Newton e pubblicate nei Principia in cui egli utilizzò per le dimostrazioni matematiche il metodo geometrico degli antichi greci, Kant asserì che esiste un’unica geometria (quella euclidea) capace di descrivere la struttura dello spazio e che nessuna esperienza empirica può modificare. Da notare che anche la geometria di Euclide (vissuto agli inizi del 3° secolo a.C.) è basata sull’ipotesi implicita di continuità e immutabilità dello spazio fisico propria di tutta la scuola di Platone, di cui egli fu il più giovane dei discepoli.

 

 spaziotemponewton kant
 fig. 3, Spazio e Tempo per Newton  fig. 4, Kant e le "forme a priori" della conoscenza

 

L’ipotesi di continuità dello spazio e del tempo, presente nella fisica classica ed ereditata dal pensiero degli antichi filosofi, fu motivo anche dello sviluppo di tutto il calcolo infinitesimale, che vide i suoi albori con Archimede ed ebbe proprio Newton e Leibniz quali padri fondatori del calcolo moderno, su cui tutta la fisica classica fu poi consolidata.
La successiva scoperta dei fenomeni elettromagnetici e la loro interpretazione mediante le leggi di Michael Faraday (Southwark ,1791 – Hampton Court, 1867) e James Clerk Maxwell (Edimburgo, 1831 – Cambridge, 1879) portarono alla definizione operativa di una nuova grandezza fisica: il campo elettromagnetico. Dalle equazioni individuate sembrava che tale nuovo osservabile fisico propagasse i suoi effetti ad una velocità costante \(c\) in un mezzo (l’etere, già presente nella fisica di Aristotele) e che, nell’ambito della nuova teoria delle onde elettromagnetiche di Maxwell, si pensava fosse proprio lo spazio assoluto di Newton.
Anche la teoria di Maxwell del campo elettromagnetico poggia sull’idea di una struttura continua dello spazio e del tempo, propria della fisica di Newton, con l’etere sistema privilegiato per le equazioni di tale campo. La fisica classica, che include anche la teoria dei fenomeni elettromagnetici, rivela pertanto in tutte le sue equazioni, un Universo perfettamente prevedibile nella sua evoluzione una volta che sono assegnate le condizioni iniziali. Ciò costituisce il principio del determinismo, chiaramente esplicitato dall’affermazione di Pierre Simon de Laplace (Beaumont-en-Auge 1749 – Parigi 1827): ”Noi dobbiamo considerare lo stato presente dell'Universo come l'effetto di un dato stato anteriore e come le causa di ciò che sarà in avvenire.”

© 2002 - 2020 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

PRIVACY POLICY

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.